Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Domenica In, anticipazioni e ospiti del 25 aprile su Rai 1: ci sono il ministro Speranza e la mamma di Denise Pipitone

  • a
  • a
  • a

Domenica In torna oggi, 25 aprile, con la 33esima puntata della stagione, sempre in diretta su Rai 1 a partire dalle ore 14. Come sempre negli studi Fabrizio Frizzi di Roma ci saranno tanti ospiti nel salotto di Mara Venier. Ecco alcune anticipazioni sui contenuti della puntata di oggi.

 

In apertura interverrà il ministro della salute, Roberto Speranza, per fare il punto sul nuovo decreto che definisce il cronoprogramma delle riaperture in Italia, che entrerà in vigore domani, lunedì 26 aprile. Si alterneranno poi: Piera Maggio, la mamma della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004; Rocio Munoz Morales, che si racconterà tra vita privata e carriera oltre a presentare il suo primo romanzo "Un posto tutto mio"; Elisabetta Gregoraci, che interverrà per ripercorrere alcune tappe della sua carriera, dagli inizi con il Concorso di Miss Italia 1997 fino ai suoi ultimi successi televisivi, sottolineando il suo forte legame con la famiglia e la sorella Marzia; Claudia Pandolfi, che sarà in collegamento per presentare la nuova fiction "Chiamami ancora amore", dal 3 maggio su Rai 1 per la regia di Gianluca Maria Tavarelli.

 

Per lo spazio informativo su vaccini e Covid, in studio: il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto Galeazzi di Milano, il giornalista Aldo Cazzullo, autore del libro "Le italiane - Il Paese salvato dalle donne", mentre in collegamento ci sarà la dottoressa Maria Rita Gismondo, direttore Istituto di microbiologia presso l’ospedale Sacco di Milano. Un'altra puntata che si annuncia molto interessante per quello che è uno dei programmi storici di Rai 1, sempre molto seguito dal pubblico a cavallo tra il pranzo e il primo pomeriggio. Sulle altre reti Rai, a quell'ora, c'è poi l'appuntamento con Quelli che il calcio su Rai 2 e con Mezz'ora in più di Lucia Annunziata su Rai 3.