Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Otto e mezzo, Ornella Vanoni dedica "Domani è un altro giorno" a Mario Draghi

  • a
  • a
  • a

Ornella Vanoni dedica "Domani è un altro giorno" a Mario Draghi. La cantante ospite di Otto e mezzo a La 7 nella puntata del 22 aprile ha intonato una delle sue canzoni più famose al premier. Quale delle sue canzoni dedicherebbe a Draghi? le ha chiesto Lilli Gruber. Lei ha risposto intonando il famoso brano scatenando l'applauso in studio e tra gli ospiti collegati, Andrea Scanzi e il direttore de Il Giornale Alessandro Salusti.

 

Ornella Vanoni è stata l'assoluta protagonista della puntata del talk serale. Interrogata sulla situazione legata all'emergenza sanitaria ha risposto: "Dobbiamo vaccinare il più possibile altrimenti diventiamo non rossi, paonazzi. Bisogna aprire con gradualità. Questa politica è un casino. Non credo che un'apertura così veloce, soprattutto in Lombardia, sia possibile". La cantante ha riconosciuto le difficoltà delle persone che non possono lavorare: "C'è gente alla canna del gas, bisognerebbe tornare a lavorare ma purtroppo c'è anche la vita di mezzo". La politica italiana: "Sembra il gioco dell'oca". Ornella Vanoni ha parlato anche della sua esperienza con il Covid: "Non ho avuto paura, non sono andata in ospedale. Però in Lombardia i tamponi costano troppo, la mia cameriera li paga 42 euro. Avevamo l'eccellenza della sanità". Sempre rispetto all'emergenza del primo lockdown in Lombardi l'interprete si è domandata: "Le mascherine? Non c'erano ma perché le aveva il tabaccaio?"

 

Durante la puntata Ornella Vanoni ha ricordato  il suo amore per Pietro Nenni: "Quando ero innamorata di lui mi sono occupata di politica, uomo affascinante, stupendo che giocava a bocce. Poi è arrivato Craxi e poi basta. Sono sempre socialista come idea". C'è qualcuno in Italia che rappresenta l'idea di socialismo?, ha chiesto la Gruber. Le viene in mente qualcuno? "Non mi faccia parlare di politica, oggi di politica non capisco nulla", ha risposto la famosa cantante cercando di cambiare pagina.