Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tv Talk, Bernardini affronta il caso Denise Pipitone. Ospiti anche Selvaggia Lucarelli ed Eleonora Daniele

  • a
  • a
  • a

L'appuntamento del sabato pomeriggio su Rai3 è con Tv Talk. Oggi, 17 aprile, verrà affrontato il caso Denise Pipitone, una vicenda che sembrava archiviata e che è tornata alla ribalta dopo le ultime vicende che hanno visto una ragazza russa presentarsi in tv dicendo di essere stata rapita da piccola. La giovane è stata sottoposta ai test del sangue che ha escluso possa trattarsi di Denise Pipitone, scomparsa nel 2004 da Mazara del Vallo.

 

 

 

Restano comunque molti punti oscuri ancora da chiarire secondo la famiglia e la tv ha riacceso l’attenzione del pubblico anche in questa settimana. I motivi di un tale interesse si indagano con Milo Infante ospite di “Tv Talk”, il settimanale condotto da Massimo Bernardini, in onda alle ore 15.00 su Rai3.
Con l’aiuto di Marco Varvello, corrispondente Rai da Londra, obiettivo, invece, sulle immagini che arrivano dall’estero e raccontano i primi entusiastici tentativi di un ritorno alla normalità post-Covid: la tv riesce a utilizzarle come documenti informativi o solo come pretesto di scontro politico? 
Dopo un affondo sul racconto delle proteste di questi giorni, con Selvaggia Lucarelli si parla di dipendenza affettiva, il tema protagonista del suo ultimo lavoro nato proprio da un’esperienza televisiva.

 


La presenza di Eleonora Daniele è poi l’occasione per affrontare il suo stile di conduzione, in particolare il suo lato più pop, mentre con Enrico Papi si analizza la ripartenza di “Name That Tune” e una tendenza tv molto forte negli ultimi tempi: la presenza sempre maggiore di programmi basati sulla leggerezza e il gioco.
Ospite della puntata anche il fenomeno delle imitazioni in questa stagione: Vincenzo De Lucia, mentre ad arricchire il dibattito in studio anche Fabio Canino, Massimo Cirri e Riccardo Bocca.

Una puntata che si annuncia molto ricca di spunti e capacità di approfondire i temi della settimana.