Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Alessio Boni, prima di Nina Verdelli un amore devastante: "Una ossessione, non lavoravo più"

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Alessio Boni è uno degli attori più apprezzati del cinema e della tv italiana. Tanti i film e le fiction di successo a cui ha preso parte, ultima in ordine di tempo La compagnia del Cigno, che domenica 11 aprile vedrà l'inizio della seconda stagione. Per quanto riguarda la vita privata, in una vecchia intervista, Boni ha rivelato come fu protagonista di una "storia d'amore devastante, una ossessione". "Io ho sofferto tanto, a lungo - ha spiegato -. Non riuscivo a lavorare, non uscivo più. Finché, dagli occhi di mia madre, ho capito che il mio equilibrio era in pericolo".

 

 

La confessione è di qualche anno a Ok: "L’avevo conosciuta per caso, un giorno come un altro - rivelò -. Non sarò mai in grado di spiegare perché proprio lei. Mi aveva sorpreso, autonomo era partito il sogno: Forse è l’anima gemella (...). Era bella, era colta, amava l’arte come me, la passione era alle stelle. E lì il delirio, la follia. Un momento l’essenza della felicità e un momento dopo un incubo. Non che fosse peggiore di me, non voglio dire questo. Però la sua etica era inconciliabile con la mia, intendo il comportamento che tutti noi abbiamo nei confronti del bene e del male". "Lavorare? Non ne parliamo. La negatività mi avvolgeva, la tensione era così alta che il mio personaggio lo facevo malissimo - le parole di Boni -. Senza di lei ero infelice, con lei ero infelice. Eppure dipendevo da una sua parola, da una sua telefonata, da un appuntamento al bar".

 

 

A un certo punto decisiva fu una telefonata. "Quella di mio fratello Andrea, che è sacerdote - il racconto ancora dell'attore -: E lì racconto tutto. Lui è migliore di tutti gli analisti, una manna dal cielo. Da lì fine. Basta. Stop. Dopo cinque, sei mesi di passione violenta ce la facevo", ha concluso. Poi piano piano la rinascita. Attualmente Boni vive con la giornalista Nina Verdelli, con la quale ha avuto un figlio, Lorenzo.