Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La compagnia del cigno 2, su Rai 1 il ritorno della serie sull'arte con Alessio Boni e Anna Valle

  • a
  • a
  • a

La Compagnia del Cigno 2 da stasera, domenica 11 aprile, su Rai 1 a partire dalle 21.25. Ancora storie e sfide nella fiction dei sette giovani musicisti del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, guidati come sempre dall’inflessibile Maestro Marioni (Alessio Boni), tornano. A partire da oggi sei prime serate per raccontare il talento, l’entusiasmo, l’impegno, ma anche l’enorme fatica di crescere di un gruppo di adolescenti, uniti dall’amore per la musica. Un romanzo di formazione a puntate di Ivan Cotroneo, scritto dal regista insieme a Monica Rametta, che in questa seconda stagione vedrà, tra le molte novità, anche la partecipazione speciale di celebri musicisti italiani e stranieri come Mika, Malika Ayane, Ornella Vanoni e Francesco Gabbani e l’ingresso di un nuovo personaggio interpretato da Mehmet Gunsur, il maestro Teoman Kayà, ex allievo dello stesso conservatorio Verdi che, spinto da antichi rancori e da sete di vendetta, metterà a dura prova i legami di amicizia, rispetto e lealtà tra i protagonisti.

 

Con Alessio Boni nei panni del maestro Marioni e Anna Valle in quelli di sua moglie Irene, Leonardo Mazzarotto, Fotinì Peluso, Emanuele Misuraca, Hildegard De Stefano, Ario Nikolaus Sgroi, Chiara Pia Aurora. Nel cast anche Francesco Tozzi, Alessandro Roia, Carlotta Natoli, Francesca Cavallin, Claudia Potenza, Rocco Tanica, Angela Baraldi, Pia Lanciotti e Barbara Chichiarelli

 

La prima serie, andata in onda su Rai 1 dal gennaio 2019, oltre ad aver ottenuto un grande successo di pubblico, anche tra le fasce più giovani, ha vinto importanti premi e riconoscimenti come quello di Senato & Cultura (“La Rai con La Compagnia del Cigno accresce la conoscenza del patrimonio artistico-culturale italiano attraverso la valorizzazione di giovani talenti e di eccellenze italiane”), il Giffoni Experience Award - Premio per la valorizzazione del mondo dei ragazzi e il Diversity Media Award - Miglior serie italiana. Una serie, dunque, che ha ottenuto un vero e proprio successo che secondo gli esperti terrà anche la seconda stagione.