Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Barbara D'Urso nel mirino di Angela da Mondello: "Mi hai rovinata" | Video

  • a
  • a
  • a

Barbara D'Urso finisce nel mirino di Angela da Mondello, la signora siciliana che l'estate scorsa diventò famosa per la sua frase sulla spiaggia di Mondello ("Non ce n'è Coviddi") con la quale si guadagnò un paio di ospitate nella trasmissione Mediaset della D'Urso. Ma ora la signora, vero nome Angela Chianello, sembra essere stata messa da parte e attacca colei che l'aveva fatta diventare una mezza star. "Mi hai rovinato 8 mesi di vita", dice in un video pubblicato nel suo profilo Instagram. Angela, infatti, sostiene che a causa dell'immagine veicolata in quei mesi è stata oggetto di minacce e insulti che hanno coinvolto anche la figlia minorenne.

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Angela Chianello (@angelachianello_real)

 

"Sono stata 8 mesi zitta e buona, ora basta". sbotta la signora nel filmato per poi ripercorrere a ritroso gli ultimi mesi da quell'intervista sulla spiaggia in poi. "Da lì è successo un manicomio, un macello". Poi confessa di essere stata spinta ad andare in tv e che alla fine ha ceduto alle lusinghe di Barbara D'Urso: "Io non volevo fare nulla e tu lo sai, volevi parlare a tutti costi al telefono con me. Nel tuo lavoro sei brava a racimolare le persone", dice rivolta alla conduttrice. Poi l'accusa: "Tutto questo sarebbe finito, nel senso che le persone avrebbero capito chi è veramente Angela. Non è stato così. Vero, ho cavalcato l'onda, mi prendo le mie responsabilità. Barbara tu hai visto in 8 mesi la situazione in cui io e la mia famiglia ci siamo ritrovati. Non hai battuto un pugno per dire devo aiutare Angela. E tu cosa hai fatto? Due puntate con me, ti sei fatta l'audience e ti sei pulita le mani". Poi la signora accusa la conduttrice di non aver mosso un dito dopo che sui social sono piovute minacce e offese alla figlia di 13 anni. 

 

 

Come riparare. Angela pretende di essere nuovamente ospitata per chiarire la sua posizione: "Ti sei presa gioco di me e della mia famiglia. Io non voglio venire da te per i soldi, non ho bisogno dei tuoi soldi, levati questa convinzione. Tu mi devi dare il diritto di parola perché è giusto così".