Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ottavia Piccolo, il figlio Nicola con Claudio Rossoni: poi l'ingresso nel Psi grazie a Craxi

  • a
  • a
  • a

Ottavia Piccolo è una delle attrici più raffinate del mondo teatrale e cinematografico nazionale. Nata a Bolzano il 9 ottobre 1949, Ottavia a soli 11 anni calcò per la prima volta le scene, tenuta per mano da Luigi Squarzina. Accanto alla Proclemer (nel ruolo dell'istitutrice) interpretò la parte di Helen, la ragazzina cieca e sordomuta di Anna dei miracoli, la commedia di William Gibson. Quel debutto non rappresentò solo la prova eccellente di una bambina prodigio, ma segnò l'inizio della sua carriera di attrice.

 

 

Sul grande schermo ha esordito ne Il gattopardo, il celebre film di Luchino Visconti (1963). In seguito, dopo varie esperienze teatrali sempre con Visconti, ha recitato ancora a teatro sotto la guida di maestri come Giorgio Strehler (Le baruffe chiozzotte, Re Lear) e Luca Ronconi (un memorabile Orlando Furioso successivamente adattato per il grande schermo nel 1974). Per Metello, regia di Mauro Bolognini, verrà anche incoronata con la Palma d'Oro come migliore attrice al Festival di Cannes del 1970. Da ricordare anche la sua partecipazione in Serafino, con un giovanissimo Celentano nei panni del pastore, in un film cult del 1968.

 

 

Successivamente Ottavia Piccolo si è dedicata soprattutto al teatro attraverso impegnative rappresentazioni di autori immortali come Shakespeare, Pirandello, Alfieri e Hoffmansthal, mentre sul piccolo schermo ha preso parte a numerosi sceneggiati televisivi (ad esempio un'indimenticabile Augusta nella riduzione de La coscienza di Zeno, realizzata da Sandro Bolchi nel 1988. Dopo dieci anni di assenza è tornata al cinema per interpretare la dolce Adelina che invecchia al fianco dei parenti ne La famiglia (Ettore Scola, 1987) e subito dopo, accanto ad Alessandro Haber, soffre per la sparizione di un figlio pasticcione e turbolento (Da grande, Franco Amurri, 1987). Per quanto riguarda la vita privata, nel 1974 ha sposato il giornalista Claudio Rossoni da cui ha avuto il figlio Nicola, nato nel 1975. Nel 1987, su proposta di Bettino Craxi, è stata inclusa tra i membri dell'Assemblea nazionale del Psi.