Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Valeria Fabrizi, con Tata Giacobetti la figlia Giorgia e il piccolo Alberto morto dopo un mese

  • a
  • a
  • a

Valeria Fabrizi è una nota attrice italiana, molto amata dal pubblico. Nata a Verona il 20 ottobre del 1936 sotto il segno della Bilancia, La sua è stata una carriera incredibile, cominciata a teatro e che presto l’ha portata sul grande e piccolo schermo. Valeria era bellissima e nel 1957, all’età di 21 anni, arrivò quarta al concorso di Miss Universo. Nel 1964 arriva il debutto in televisione accanto a Tata Giacobetti, collega nonché marito, in Il Dottor Jekyll e Mr. Hyde e Storia di Rossella O’Hara.

 

 

Dagli anni Novanta in poi Valeria ha smesso quasi di lavorare. La rinascita è avvenuta il giorno in cui è stata scritturata per interpretare il ruolo della madre superiora nella fiction Che Dio ci aiuti, dove l’attrice recita al fianco di Elena Sofia Ricci e Cristiano Caccamo. Per quanto riguarda la sua vita privata, Valeria ha sposato Tata Giacobetti, attore e fra i componenti del Quartetto Cetra. Valeria lo ha conosciuto negli anni Sessanta e i due sono convolati a nozze nel 1964. Un matrimonio felice e spensierato, che ha portato anche alla nascita di una figlia, Giorgia. Il loro matrimonio è durato fino al 1988, anno in cui Tata ha perso la vita in seguito a un infarto. All’epoca dell’apice della sua fama, tuttavia, Valeria Fabrizi finì su tutti i giornali di gossip per il presunto triangolo amoroso che si credeva si fosse instaurato tra lei, il marito Tata Giacometti e l’attore comico Walter Chiari.

 

 

In realtà, come ha poi dichiarato l’attrice, quelle non erano nient’altro che bugie. Oltre a Giorgia, Valeria Fabrizi ha avuto anche un bambino che però ha perso la vita dopo un mese. “Ho avuto anche un bimbo - ha detto ospite a Vieni da Me nella vecchia trasmissione di Caterina Balivo - che si chiamava Alberto. L’ho avuto in braccio per un mese e poi l’ho perso per una crisi cardiaca. Alberto, il piccolo che non ho potuto crescere, lo porto sempre nel mio cuore”. Un dolore che porterà sempre dentro di lei.