Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 27 marzo, su Rai 3 c'è Città segrete di Corrado Augias alla scoperta della Roma cristiana

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, sabato 27 marzo, su Rai 3 alle 21.45 c'è la seconda puntata del programma Città segrete, condotto da Corrado Augias. Al centro della puntata di oggi c'è la Roma cristiana, dal primo secolo dopo Cristo alla fine dell'impero romano. La trasmissione proverà a raccontare come cambiò la Città Eterna, come venne rivoluzionato l’impero, la sua struttura, la sua vita quotidiana, con l’arrivo del cristianesimo.

 

Ma anche cosa restò del mondo antico dopo quella rivoluzione religiosa e culturale giunta da una remota provincia orientale dell’Impero. Un viaggio nella storia che parte dalla grandezza della Roma imperiale, passa attraverso la nascita e la vita di Gesù nella sua Gerusalemme, per arrivare all’espansione della religione cristiana e al suo arrivo nella Città Eterna. "Augias accompagna il telespettatore non solo nei luoghi suggestivi e ricchi di fascino della Roma cristiana, ma tiene il filo del racconto immerso in uno studio virtuale, una sorta di grande terrazza affacciata sulla città, tra oggetti 3D e mappe virtuali", spiega una nota della produzione Rai.

 

La scorsa settimana analogo viaggio nel tempo avvenne per Milano, tra monumenti, storie e segreti più o meno noti. Dopo Milano e Roma, nei prossimi appuntamenti di Città Segrete, tra ricostruzioni, reportage e docufiction - Corrado Augias condurrà il pubblico alla scoperta delle piazze, i monumenti, le opere d’arte, i palazzi e gli enigmi di Palermo, Firenze e Napoli. Cinque puntate dedicate ad altrettante grandi città italiane che non finiscono mai di stupire ed essere scoperte dal grande pubblico, in un racconto emozionante come quello che il grande giornalista Augias è in grado di offrire al pubblico. Un viaggio quanto mai agognato quello di oggi in prima serata, tanto più a fronte dell'impossibilità per molti italiani di visitare le città d'arte in questi lunghi mesi caratterizzati dalla pandemia di Covid-19.