Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, venerdì 26 marzo. Su Rai 3 c'è Titolo V: le Regioni alle prese con i vaccini

  • a
  • a
  • a

Le Regioni alla prova con il piano vaccinale tra ritardi, persone ancora senza la dose e criteri diversi per ottenere il siero. Il tema sarà affrontato nella puntata di Titolo V in onda su Rai 3 venerdì 26 marzo in prima serata, alle 21.20 “Alcuni territori trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale”, ha detto il Presidente Draghi. Come hanno reagito le Regioni? Qual è e quanto sarà vincolante per loro il nuovo piano nazionale sui vaccini? E cosa non ha funzionato in Lombardia? Resta intanto aperto il problema delle forniture: mentre si tagliavano, i Carabinieri Nas hanno scoperto nello stabilimento Catalnet di Anagni una partita di 29 milioni di dosi di AstraZeneca. A chi sono riservate? Potranno essere destinate all’Europa? Sono solo alcuni dei tanti interrogativi affrontati nella puntata.

Un tema caldo quello dei vaccini che sta animando il dibattito delle ultime settimane. La carenza di dosi finora ha frenato l'avanzata del processo di immunizzazione ma, se le previsioni sugli arrivi delle dosi nelle prossime settimane, il governo è pronto a mettere in campo tutte le forze per somministrare mezzo milioni di dosi al giorno ed arrivare all'immunizzazione della stragrande parte dei cittadini a settembre.

 

Diversi gli ospiti che interverranno: il sottosegretario al ministero della Salute Pierpaolo Sileri, il Deputato e membro della Segreteria nazionale Pd Francesco Boccia, il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, il Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, il virologo Fabrizio Pregliasco, l’infettivologo Alessandro Perrella, lo scrittore Gianrico Carofiglio, il direttore del Mattino Federico Monga, i giornalisti Concita De Gregorio, Ferruccio De Bortoli, Claudio Brachino, Roberta Villa, Francesca Nava, Luigi Amicone ed il costituzionalista Francesco Clementi. La chiusura, invece, sarà come sempre affidata alla satira di Gabriella Germani nel segno dell’attualità, con la sua Barbara Palombelli e tanti altri personaggi.