Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'Eredità, perché è "scomparsa" la campionessa Martina Crocchia. Forse torna con Cannoletta

  • a
  • a
  • a

Novità a L'Eredità su Rai1. Il quiz preserale della rete ammiraglia Rai, nella puntata di ieri, mercoledì 24 marzo, è stato modificato ed è "scomparsa" la popolare campionessa Martina Crocchia.

 

 

Una vera e propria rivoluzione spiegata ai telespettatori (affezionati) da parte del conduttore Flavio Insinna. Si tratta di una formula che è cambiata in occasione di Pasqua. "Da oggi - ha spiegato Insinna - e per un ciclo di puntate torneranno a giocare i vecchi campioni per destinare il montepremi alla Comunità di Sant'Egidio. Com'è accaduto l'anno scorso, quando ci trovavamo in emergenza. Il periodo è quello che è e torniamo a giocare per la solidarietà. Nel corso delle puntate si alterneranno diverse associazioni benefiche. Iniziamo con Sant'Egidio".

Le varie puntate de L'Eredità sono organizzate in una serie di “tornei”, ognuno dei quali ha come riferimento una diversa Onlus e nei quali Campioni delle passate stagioni si affrontano per individuare la parola della “Ghigliottina” e per devolvere interamente gli eventuali montepremi conquistati in beneficenza. Tra i vecchi campioni dovrebbe esserci anche Massimo Cannoletta, tra i più amati degli ultimi anni. Al momento non è ancora chiaro se Martina sarà presente a queste puntate speciali o se riapparirà appena si ritornerà alla formula originale de L'Eredità. Una attesa che cresce per la puntata di venerdì 26 marzo.

 

 

 

La donna ha vinto un oltre 150 mila euro, poi lo stop per il cambio di trasmissione. Non si esclude che possa apparire nelle prossime puntate, magari proprio in quelle in cui sarà presente l’indimenticabile Massimo Cannoletta. Questa è una delle speranze del mondo social, dove Martina è protagonista insieme a Massimo.

Ieri intanto ha conquistato la ribalta l’ex campione Marco. Ha vinto 35 mila euro in gettoni d’oro (ha centrato la parola "aiuto") che saranno devoluti alla Comunità di Sant’Egidio.