Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jessica Morlacchi, dal successo a Sanremo alla depressione: la carriera della giovane cantante

  • a
  • a
  • a

Jessica Morlacchi è uno degli ospiti di Oggi è un altro giorno, la trasmissione di Rai Uno condotta da Serena Bortone a partire dalle ore 14. Jessica è stata una sorta di enfant prodige: si è avvicinata al mondo della musica a soli 7 anni, quando ha iniziato a studiare il basso. L'approccio al canto è arrivato solo in età adolescenziale: nel 1998 ha dato vita al gruppo degli "Eta Beta" dal nome dell'omonimo personaggio dei fumetti, che poi si tramuteranno in "Zeta Beta" e nel 2000 diventeranno definitivamente i Gazosa.

 

L'anno seguente la consacrazione: ba band vince il Festival di Sanremo 2001 nella categoria nuove proposte con il brano Stai con me (Forever). Ma il suo più grande successo arriva col singolo estivo www.mipiacitu, diventato uno dei principali tormentoni dell'estate del 2001. Nel 2002 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo, questa volta con il brano Ogni giorno di più; l'anno seguente, tuttavia, la Morlacchi lascia il gruppo e intraprende la carriera da solista. E' in questi anni, tuttavia, che inizia un problema di depressione con cui - nel 2019 - ha confessato di aver convissuto per ben 12 anni. La carriera da solista sembra non conoscere più i livelli raggiunti incredibilmente con i Gazosa e, malgrado il duetto a Sanremo 2005 con Marco Masini, i suoi singoli faticano ad imporsi nelle classifiche. La giovane cantante sparisce un po' dai radar, salvo tornare sul grande palcoscenico di Rai 1 nel 2019 partecipando al talent show Ora o mai più, classificandosi poi seconda con il brano "Senza ali e senza cielo".

 

Nell'autunno dello stesso anno partecipa poi a Tale e quale show, nona edizione del talent di Rai Uno. Del suo periodo più difficile ha raccontato: "A 16 anni ho iniziato a soffrire di attacchi di panico, che mi hanno rovinato la vita, non uscivo più di casa. Ho iniziato a soffrire anche di agorafobia, non potevo stare negli spazi aperti e vivere era impossibile. Chiaro che poi subentra la depressione, perché non sai più come vivere, specie se sei una ragazza così giovane".