Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, 18 marzo, Carosello Carosone su Rai1: attori e trama

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, oggi giovedì 18 marzo 2021, va in onda su Rai1 la fiction Carosello Carosone sulla vita del musicista interpretato da Eduardo Scarpetta jr. Una storia vera quella dell'artista che viene raccontata proprio a cent'anni dalla sua nascita, la ricorrenza cadeva lo scorso 3 gennaio 2020.

 

 

Renato Carosone è una delle figure della canzone italiana più conosciute nel mondo, uno dei pochi capace di ottenere un incredibile successo anche negli Stati Uniti. A interpretare il grande musicista napoletano, autore di brani indimenticabili come Tu vuò fà l’americano, c'è Eduardo Scarpetta, trisnipote omonimo del grande commediografo, qui nel suo primo ruolo da protagonista. Al suo fianco Vincenzo Nemolato che interpreta il ruolo di Gegè Di Giacomo, il batterista-fantasista sempre al fianco di Carosone. "Il film racconta dai 17 anni, quando si diploma a Napoli in pianoforte al conservatorio di San Pietro a Majella, fino ai 39, con il ritiro dalle scene. Talento a parte a parte, grande influenza l’ha avuta il periodo in Africa, dove ha conosciuto Lita Levidi (Ludovica Martino) che diventa sua moglie" racconta Scarpetta.

 

 

Tratto dal libro Caronissimo di Federico Vacalebre (edito da Arcana Editore). Il film-tv segue la passione di Carosone per la musica, una passione che non tradirà mai e vero cui nutrirà lungo tutta la sua carriera profondo rispetto. Geniale, rivoluzionario e antidivo, l'uomo si ritira dalle scene non ancora quarantenne, al vertice del suo successo dopo aver creato uno stile musicale innovativo, fatto di suggestioni africane, swing americano e profonde radici napoletane. Non vedremo, però, solamente il Carosone artista, ma anche l’uomo dal punto di vista personale. Inoltre, Carosello Carosone è anche titolo del primo album di Renato Carosone e il suo Quartetto, pubblicato il 14 dicembre 1954. Un successo che culmina nel 1958 con l’esibizione di Carosone e del suo Sestetto alla Carnegie Hall di New York. Le musiche sono curate dal maestro Stefano Bollani.