Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Isola dei famosi 2021, Debora Cattoni a Ilary Blasi: "Fammi diventare naufraga". Ma viene scelta Miryea Stabile

  • a
  • a
  • a

Ha fatto di tutto per diventare naufraga arrivando a inscenare un sit-in davanti alla sede di Magnolia lunedì 15 marzo. Ma per la La trentanovenne Debora Cattoni, ex manager della controversa showgirl Sara Tommasi non c'è stato nulla da fare. Non è stata scelta neppure dopo la rinuncia dell'ex Miss Italia Carolina Stramare. La naufraga ripescata è stata Miryea Stabile direttamente dal recente “La Pupa e il Secchione e viceversa”. Debora Cattoni nella giornata di lunedì  è stata protagonista di un’originale performance a Roma in via della Farnesina 272 fuori la sede di Magnolia Banijay, società che produce L’Isola dei Famosi. Vestita con un perfetto outfit da naufraga realizzato con pelli di daino al naturale e corda dalle esperti e sapienti mani della sarta e stilista Yvonne Paiano ha chiesto con forza di poter essere una delle naufraghe.

Come mai la manager perugina ha fatto questo singolare recital? E' il suo staff a svelarlo. Il sogno della Cattoni era quello di naufragare in Honduras e diventare una concorrente del reality show condotto da Ilary Blasi che è partito nella serata del 15 marzo in prima serata su Canale 5. Ma, come detto, la protesta non è bastata per un ripescaggio.
Eppure la business woman di Capodacqua di Assisi era apparsa decisa: "Mi piacerebbe rivivere quello che ho vissuto con mio padre da bambina, camminare scalza e stare a contatto con la natura, non ho paura di nulla. Non mi mancherà nemmeno il sesso dato che non lo pratico da circa tre anni. Il mio film preferito è 'Into the Wild', una storia vera - e continua - ho bisogno di disintossicarmi dal telefono, da tutto ciò che è social, di stare lontano da una vita che definisco spesso marziana, come nello spazio, perché la vita reale è natura, sole, aria".

 

La manager aveva confessato che per far parte del cast de l'Isola dei famosi non si era depilata per settimane. Un modo per entrare nel "mood" della naufraga. "Voglio una vita scalza, senza trucco e tacchi, ma con tanti sogni da realizzare".