Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gaudiano, la vittoria a Sanremo Giovani e il papà che non c'è più: la dedica strappa lacrime

  • a
  • a
  • a

Luca Gaudiano, vincitore di Sanremo Giovani con "Polvere da sparo" nel recentissimo Festival, è tra gli ospiti di Oggi è un altro giorno, il talk di approfondimento sull'attualità del pomeriggio di Rai1 condotto da Serena Bortone.

 

 

La canzone con cui Gaudiano ha vinto è stata scritta dallo stesso giovane cantautore pugliese  durante il viaggio in treno che riportava Luca da Foggia, dove il papà Ciro si era appena spento a causa di un tumore, a Milano, la città dove si è trasferito per cercare di sfondare nel mondo della musica. Era stato proprio il papà ingegnere (la madre è un’ insegnante di lettere) a regalargli, all’ età di 15 anni, la prima chitarra e ad accompagnarlo sempre nelle prime esibizioni. Dopo il diploma, si è trasferito prima a Roma e poi a Milano,  pubblicando nel settembre 2020 un 45giri digitale contenente “Le cose inutili” e “Acqua per occhi rossi”.

 

 

La canzone è un diario emotivo che alterna il rimpianto (“E mi brucia il cuore perché non ti ho detto quanto ti abbia amato per quello che hai fatto. Per come hai lottato coi mulini a vento. Con la forza del tuo cuore fatto di cemento”), la difficoltà nell’ accettare il lutto, anche rivolgendosi a Dio (“Se guardo oltre le nuvole io non trovo ragione, Se mi guardo allo specchio vedo te”). E nemmeno le parole di chi gli sta vicino sanno lenire il dolore: "Tutti che parlano e sanno capire come mi sento, sanno cosa dire. La vita è questa non può farci niente. Così come inizia dovrà anche finire. Tu focalizzati sopra i dettagli. Affidati al tempo e non sbagli". La canzone ha aiutato Guadiano a elaborare il dolore. Dedica scontata dopo il successo: "La vittoria è per mio padre, ci ha lasciati due anni fa ma oggi è qui con me".