Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Veronica Pivetti, la sorella è Irene: l'ex presidente della Camera ha avuto due figli con Alberto Brambilla

  • a
  • a
  • a

Veronica Pivetti è un'attrice e conduttrice italiana. Famosa al grande pubblico da quando ha interpretato Fosca, la povera moglie del dottor Raniero (Carlo Verdone) nel film cult Viaggi di nozze. Veronica è nata a Milano il 19 febbraio del 1965, sotto il segno zodiacale dell’Acquario. E' figlia d’arte: sua madre è infatti l’attrice Grazia Gabrielli, mentre suo padre è il famoso regista Paolo Pivetti. Ha inoltre una sorella più grande, Irene, che è stata Presidente della Camera dei Deputati e conduttrice piuttosto famosa.

 

 

Per quanto riguarda la sfera privata di Irene, si sa che nel 1988 ha sposato Paolo Taranta. Il matrimonio, però, fu annullato dalla Sacra Rota nel 1992. Nel 1997, invece, si è unita ad Alberto Brambilla: con l’ormai ex marito la storia è finita nel 2010. Da lui ha avuto due figli, Ludovica e Federico. "Sono molta dispiaciuta di questa situazione, non me la aspettavo - ha dichiarato la stessa Irene dopo il divorzio -. Ci sono rimasta male, io la separazione non l’avrei proprio voluta. Ma sono vicende molto complicate e non descrivibili sulla stampa. Tra l’altro non so che dire, qualunque cosa si dica si sbaglia, perché magari le cose prendono determinate sfumature. Evitiamo”.

 

 

Tra le sorelle Pivetti, invece, vige un bel rapporto: "Oggi è un rapporto molto bello - ha sottolineato ancora Irene in una vecchia intervista a quotidiano.net -. Purtroppo abbiamo poco tempo per vederci, ma appena c’è una opportunità mangiamo una pizza insieme. Ed è sempre come se ci fossimo viste il giorno precedente". Tornando alla vita privata di Veronica Pivetti, si è sposata nel 1996 con l’attore Giorgio Ginex. I due si sono lasciati nel 2000, e da quel momento l’attrice non ha più avuto legami sentimentali. Veronica non ha mai avuto figli. In un’intervista a Grazia ha rivelato di non aver rimorsi, perché non ha mai sentito di avere l’istinto materno