Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Willie Peyote contro tutti, attacco a Francesco Renga. Ma la replica di Ambra Angiolini è durissima | Video

  • a
  • a
  • a

Willie Peyote contro tutti. Il festival di Sanremo 2021, l'ultimo (forse) condotto da Amadeus e Fiorello, è giunto al termine ma le polemiche continuano, soprattutto per merito (o colpa, a seconda dei punti di vista) del rapper torinese. Il quale ha sparato a zero - nel corso di un'intervista di giovedì scorso ma venuta fuori solo a fine rassegna - su alcuni colleghi, principalmente Ermal Meta e Francesco Renga.

 

 

Su quest'ultimo Peyote ha sparato veramente a zero, in maniera oggettivamente poco rispettosa: "Io credo che Renga, e mi dispiace dirlo perché lui era uno dei rappresentanti della bella vocalità all’italiana, ha cag*** sul microfono. O l’ho pensato solo io? Ti dico solo che ad un certo punto sembrava Aiello”, ha sparacchiato, attaccando così due colleghi in una sola frase. Insomma, toni decisamente troppo pesanti, che magari potevano essere pronunciati in modo più edulcorato. Soprattutto perché sono state parole irrispettose nei confronti di un collega. Ma le frasi di Peyote sono arrivate all'orecchio dell'ex moglie di Renga, Ambra Angiolini, che ha replicato altrettanto duramente: "Gli altri fanno i parac*** o cag*** sui microfoni ma quello che esce dalla sua bocca (e il riferimento è proprio a Willie Peyote) è l'unica cosa che puzza", ha sottolineato l'attrice e conduttrice. Insomma, la Angiolini ha risposto piazzando un vero e proprio carico da novanta.

 

 

Willie Peyote ha attaccato anche Ermal Meta, definendo una "ruffianata" l'omaggio nelle cover a Lucio Dalla proprio nel giorno della nascita dell'artista, il 4 marzo. Ma in questo caso a replicare è stato lo stesso cantante italoalbanese, con un eloquente: "Me lo venga a dire in faccia", ha affermato. "Era a dieci metri da me, dietro le quinte, e non mi ha detto nulla", ha aggiunto. Insomma, parole grosse tra colleghi. Per la cronaca, Willie Peyote si è aggiudicato il premio della critica Mia Martini. Ma forse la parola "critica" è stata un po' travisata dal rapper di Torino.