Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tecla Insolia, chi è l'attrice protagonista della fiction su Nada: lo scorso anno seconda tra le Nuove Proposte di Sanremo

  • a
  • a
  • a

Tecla Marianna Insolia è tra le co-conduttrici della finale del Festival di Sanremo 2021, stasera sabato 6 marzo. La giovanissima cantante e attrice, ha 17 anni, è stata scelta per interpretare il ruolo di Nada da adolescente nella fiction dal titolo La bambina che non voleva cantare. Un autentico enfant prodige che si dimostra anche molto abile a districarsi sia nel cinema che nella musica con il palco di Ariston che l'ha già vista protagonista e capace di sorprendere nell'edizione precedente questa in corso.

 

Nata a Varese da genitori siciliani ma cresciuta in Toscana, a Piombino, sin da piccolissima ha iniziato a stuidare presso la Woodstock Academy. Ha due fratelli: Gioele e Santiago. Ha partecipato a diversi eventi tra cui il Festival di Castrocaro e programmi televisivi come Pequeños gigantes, in cui, nel 2016, si classifica terza. Nel 2019 ha vinto Sanremo Young con il suo brano 8 marzo che presenta poi al Festival di Sanremo 2020 nella categoria Nuove Proposte, grazie al quale arriva seconda e vince il Premio Lucio Dalla e il Premio Enzo Jannacci, meritato "per aver raccontato il ruolo della donna spesso drammaticamente inserito in difficili contesti sociali".

 

 

Parallelamente intraprende anche la carriera di attrice. Nel 2018 interpreta una piccola parte nella fiction L'allieva e dal 2020 recita nella serie televisiva Vite in fuga. Durante una lunga intervista a Leggo, ha ricordato com’è iniziata la sua carriera: "Dalla vittoria a “Sanremo Young” con Antonella Clerici. Dava l’accesso a Sanremo Giovani, da lì poi sono arrivata all’Ariston tra le Nuove Proposte. Secondo posto ma ho vinto il premio “Lucio Dalla” della Sala stampa Radio-Tv". Nel nuovo film di Rai 1 sarà Nada. Tecla ha ricevuto proprio da quest’ultima una telefonata inaspettata: "Mi ha telefonato qualche giorno fa per complimentarsi. Ero senza parole, ho saputo dire solo grazie".