Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fausto Leali, quattro figli: dopo Samantha, Deborah e Lucrezia l'unico maschio Francis Faustino | Video

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Fausto Leali è una leggenda della musica italiana, tra i preferiti dal pubblico. Leali sarà ospite mercoledì 3 marzo al festival di Sanremo 2021, condotto da Amadeus e Fiorello e in onda su Rai1 fino a sabato 6 marzo. E' nato a Nuvolento (in provincia di Brescia), sotto il segno dello Scorpione, il 29 ottobre 1944. Le canzoni di Leali sono uno dei capisaldi della musica italiana. Il cantante ha plasmato un’intera generazione con i suoi successi, da A chi a Io amo, passando per Mi manchi e Ti lascerò, brano vincitore del festival del 1988 insieme ad Anna Oxa.

 

 

A 16 anni è entrato nell’orchestra del fisarmonicista Wolmer Beltrami, e ha inciso il suo primo 45 giri nel 1961 ma sotto un altro nome. Il suo pseudonimo di allora, infatti, era Fausto Denis. Per quanto riguarda la sua vita privata, Leali è stato protagonista di tre matrimoni, dai quali ha avuto quattro figli. Le prime nozze sono state precedute dalla sua relazione con Mirella Gervasio. E' seguita la storia d’amore con Milena Cantù, sua prima moglie dal 1968 al 1983. Lei è una cantante e compositrice italiana, attiva nell’era beat della musica anni 60 ed è stata prima fidanzata con Adriano Celentano, conosciuta come "Ragazza del Clan".

 

 

Fausto Leali e Milena Cantù hanno avuto due figlie, Samantha e Deborah Leali. Il secondo matrimonio è quello con Claudia Cocomello, da cui l’artista ha avuto i due figli Lucrezia e Francis Faustino Leali. Negli anni 90, Fausto Leali ha incontrato la donna che, nel 2014, sarebbe diventata la sua terza moglie: Germana Schena. Lei è nata 30 anni dopo di lui. La coppia si è unita in matrimonio, con rito civile, a Foggia. Si è trattato del terzo matrimonio per Fausto Leali, del secondo per la Schena. Dal suo ex marito ha avuto il figlio Andrea, cui Leali è davvero legatissimo. Nella seconda serata di Sanremo 2021, il buon Fausto rispolvererà il suo repertorio da urlo.