Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Titolo V, l'emergenza vaccino e gli obiettivi di Mario Draghi

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, 26 febbraio, su Rai 3 dalle ore 21.20 l'ennesima puntata di Titolo V, condotta da Francesca Romana Elisei e Roberto Vicaretti. Ovviamente si farà il punto sull'emergenza Covid ma anche sull'attuale situazione politica nel paese. E' di pochi giorni fa la sentenza della Consulta che ha sancito il principio di competenza esclusiva dello Stato in ambito di emergenza sanitaria internazionale, contro la legge della Regione autonoma della Valle d’Aosta che consentiva misure di contenimento meno rigorose.

Il presidente della Corte Costituzionale, Giancarlo Coraggio, interverrà sulla vicenda. Nel corso della puntata, inchieste e approfondimenti sui piani del nuovo Governo guidato da Mario Draghi per la gestione della pandemia e del vaccino. Ma si farà anche il punto sulle varianti che fanno vacillare le certezze sull’efficacia dei farmaci stessi, mentre le regioni vanno in ordine sparso. L’Europa si presenta in forte ritardo col suo piano. Perché? E perché tanta confusione? Oltre a chiedersi se si potrà recuperare, resta da domandarsi come mai la Gran Bretagna abbia già vaccinato 20 milioni di persone. Sicuramente ha contribuito l'uscita dall'Europa che l'ha messa nelle condizioni di muoversi in maniera indipendente. Intanto San Marino inizia a vaccinare i suoi abitanti con il russo Sputnik.

Come in tutte le puntate numerosi e autorevoli gli ospiti che interverranno: l'amministratore delegato di Irbn, Piero Di Lorenzo; il direttore di Rai Giornale Radio e Radio 1, Simona Sala; il giornalista Giovanni Lamberti; la maestra Marzia Mascagni; il virologo Fabrizio Pregliasco; il giornalista Ferruccio De Bortoli; il regista e conduttore Michele Mirabella; il giornalista Federico Rampini; il conduttore di Report Sigfrido Ranucci e il biologo Enrico Bucci. Ma ovviamente non mancherà Gabriella Germani che ancora una volta proporrà i suoi personaggi e l'irriverente comicità. Ma è annunciata anche la solita partecipazione del costituzionalista Francesco Clementi.