Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Settestorie, l'intervista a Edith Bruck dopo l'incontro con il Papa

  • a
  • a
  • a

Non cambia soltanto la programmazione di La7, dove uno speciale di Atlantide sarà dedicato all'attentato in Congo in cui hanno perso la vita l'ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci, e l'autista Mustapha Milambo, sostituendo così il film che era previsto, Black Rain. Anche la seconda serata di Rai 1 vive un cambio di palinsesto. O meglio. Ad essere modificata sarà la scaletta di Settestorie, il programma condotto da Monica Maggioni, inizio a partire dalle ore 23.25.

Una buona parte del programma si concentrerà proprio all'attualità, quindi sull'attentato che si è consumato nella Repubblica Democratica del Congo. Maggioni. La puntata cercherà di ricostruire i particolari dell'attentato, di spiegare che cosa sta accadendo in quell'area del Paese e perché a rimetterci la vita siano stati due italiani. Non mancheranno testimonianze e prese di posizione. Ma non è l'unico motivo che ha causato le modifiche del programma. La giornalista, infatti, proporrà una intervista esclusiva a Edith Bruck, la testimone della Shoah che sabato pomeriggio ha incredibilmente ricevuto la visita di Papa Francesco. Una visita che ovviamente nessuno di aspettava. Il pontefice è arrivato nell'abitazione romana della poetessa intorno alle ore 16.

La conversazione tra Papa Francesco ed Edith Bruck ha ripercorso i momenti della drammatica esperienza dell'inferno dei lager, ma i due hanno parlato anche dell'importanza del valore della memoria e del ruolo che hanno gli anziani nel coltivarla e cercare di tramandarla ai più giovani. Papa Francesco e la signora Bruck hanno parlato per circa un'ora poi si sono salutati e il pontefice è tornato in Vaticano. Monica Maggioni è riuscita a intervistarla e a farsi raccontare i particolari dello storico incontro. Edith Steinschreiber Bruck è del 1932, ungherese naturalizzata italiana, scrittrice, poetessa, traduttrice e regista. Ha vissuto in diversi campi di sterminio, ma nell'aprile 1945 è stata liberata insieme alla sorella. Vive in Italia dal 1954.