Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le indagini di Lolita Lobosco, stasera la nuova serie su Rai1 con Luisa Ranieri poliziotta di razza

  • a
  • a
  • a

Una prima visione molto attesa quella va in onda stasera, domenica 21 febbraio 2021 su Rai1. E con una grande e popolare attrice. Quattro prime serate su Rai1 con Luisa Ranieri nei panni del vicequestore protagonista della nuova serie giallo-rosa “Le indagini di Lolita Lobosco”, firmata dal regista Luca Miniero e liberamente tratta dai romanzi di Gabriella Genisi (editi da Sonzogno e Marsilio Editori).  Una produzione Bibi Film Tv e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction, prodotta da Angelo Barbagallo e Luca Zingaretti.
Intuito, determinazione, coraggio, ma anche fascino, femminilità e una sana malizia. Single e poliziotta di razza, Lolita dopo alcuni anni trascorsi al Nord è tornata a Bari, la sua città natale. Con l’incarico di vicequestore viene messa a capo di una squadra di soli uomini, una sfida che la vedrà impegnata non solo nel gestire indagini complesse e omicidi, ma anche i tanti pregiudizi e stereotipi sul lavoro e nella vita privata. Firmano soggetto di puntata e sceneggiatura Massimo Gaudioso, Daniela Gambaro e Massimo Reale.

 

"Il mio personaggio si muove in un contesto antico con passo leggero e veloce, Sono stata rapita dai racconti di Gabriella Genisi - racconta Luisa Ranieri - Le sue indagini su tacco 12? Naturalmente è una provocazione, una estremizzazione. Racconta un ’femminile' che non ha bisogno di assomigliare al maschile per essere autorevole, per affermarsi, per essere meritevole. Ho amato la sua ironia - dice ancora - Secca, dura nel dover comandare una squadra di uomini, ma sempre affettuosa, scherzosa, senza per questo dover sembrare debole".

 

Ricorda ancora Luisa Ranieri che si "tratta della prima serie post lockdown, partita con protocolli ad hoc, una lavorazione costosa, faticosa, eppure realizzata in assoluta sicurezza. Siamo stati chiusi come in trincea, all’interno di una sorta di Truman Show. E tutto questo ha giovato alla forza, all’identità del gruppo. È stata un’avventura bella e piena".