Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Renato Zero, la storia di Roberto: prima bodyguard e poi figlio del cantautore

  • a
  • a
  • a

Renato Zero è atteso ospite di "C'è posta per te" lo show del sabato sera di Canale5. Il cantautore e showman sarà una delle sorprese di uno dei partecipanti della trasmissione.

 

 

Zero, 70 anni compiuti lo scorso settembre, originario di Roma, nel corso della sua lunga carriera ha pubblicato 44 album, ha scritto complessivamente più di cinquecento canzoni affrontando tematiche disparate ed è l'unico artista italiano ad essere riuscito ad avere album al numero 1 della classifica in sei decenni diversi (anni Settanta, Ottanta, Novanta, Duemila, Duemiladieci e Duemilaventi): prima di lui, solo Barbra Streisand. In tutta la sua carriera, Zero è stato 48 settimane al primo posto della classifica italiana.

 

 

 

L'artista - le cui uniche relazioni ufficiali sono quelle con la sua segreteria Lucy Morante e poi con la conduttrice Erica Bonaccorti - ha un figlio: Roberto Anselmi o meglio, Roberto Anselmi Fiacchini. Per chi non lo sapesse, il vero nome di Renato Zero è Renato Fiacchini. Il cantautore ha adottato Roberto quando lui aveva all’incirca 30 anni ed ha raccontato la loro storia in un’intervista diverso tempo fa. Roberto ha perso i genitori quando era ancora un bambino e per questo ha vissuto diversi anni in orfanotrofio. “Ero al cinema e noto questo ragazzino pettinato come Bart Simpson. Mi raccontò la sua storia: il padre era morto e la madre era malata” racconta Zero. Che decide di assumerlo come bodyguard nel 1993. Tra i due si instaura un rapporto bellissimo, e non avendo figli, il grande artista ha scelto nel 2003 di adottare Roberto. Il giovane infatti ha preso così il cognome del cantante e risulta a tutti gli effetti suo figlio. Una storia incredibile che rende ancora più speciale la figura del cantautore. Roberto poi ha reso Renato Zero nonno di due nipotine: Ada e Virginia a cui ha dedicato la canzone "la mia carezza".