Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Myrta Merlino nominata Cavaliere della Repubblica: "Il primo pensiero a mia mamma"

  • a
  • a
  • a

"Emozionata ed orgogliosa". Così si definisce su twitter Myrta Merlino, giornalista,autrice televisiva e conduttrice su La7 del talk L'aria che tira. E' stata infatti nominata Cavaliere della Repubblica italiana da parte del presidente Sergio Mattarella e Merlino pubblica una bella doppia foto: a sinistra lei che mostra il riconoscimento e a destra la pergamena che le è stata consegnata. "Grazie al presidente Mattarella - scrive - e a tutti voi che avete fatto parte di questo cammino". E il primo suo pensiero è andato alla madre: "Avrei tanto voluto condividere questo bel momento con lei". Immagini e video finiscono anche sulle instastorie del suo profilo Instagram.

Ma chi era la mamma di Myrta Merlino? Si chiamava Annamaria Palermo. Era una docente universitaria ed una esperta di studi e cultura cinesi, figlia di un napoletano illustre, Mario Palermo, storico militante del Partito comunista italiano. E' stata anche direttrice dell'Istituto Italiano di Cultura di Pechino ed è morta nel 2017: aveva 74 anni. Giuseppe Merlino, invece, il padre di Myrta. La giornalista è molto felice di essere stata nominata cavaliere. Ormai è diventata uno dei volti più amati della televisione italiana e in questi ultimi mesi ha seguito in maniera molto intensa l'emergenza Covid e tutte le relative conseguenze. Nella vita privata è stata anche la moglie di Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia, attualmente commissario straordinario per il Coronavirus. Da lui ha avuto la sua terza figlia, Caterina. Da un precedente rapporto erano nati i gemelli Pietro e Giulio Tucci.

Attualmente Myrta Merlino è legata sentimentalmente a Marco Tardelli, ex calciatore della Juventus e della nazionale italiana, campione del mondo del 1982. In una intervista del 2013, tra l'altro, Merlino ha anche raccontato che alla fine degli anni Novanta è stata vittima di un tentativo di violenza sessuale da parte di un ministro francese di allora.