Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Luigi Tenco, Patruno: "Presto il nome di chi l'ha ucciso". Nuova rivelazione sulla fine del cantautore

  • a
  • a
  • a

Lino Patruno insiste a distanza di 54 anni da quel maledetto Festival di Sanremo che ha portato via il grande cantautore Luigi Tenco. Una morte avvolta nel mistero. Ufficialmente un suicidio. Secondo Patruno, Luigi Tenco non si sarebbe suicidato, ma sarebbe stato ucciso e c'è anche chi conosce il nome dell'assassino che renderà pubblico (a suo dire).

 La notizia è riportata da Oggi, una anticipazione che viene rilanciata dal sito Dagospia.

"Macché suicido, Luigi fu ammazzato!", dice Patruno al periodico in edicola da domani, Lino Patruno, 85 anni, è stato un grande amico del cantautore genovese, morto in circostanze misteriose la notte del 27 gennaio 1967, poco dopo aver cantato al Festival di Sanremo. Patruno dice: "Ho saputo che un ricercatore, il quale ha dedicato parte della sua vita a studiare meticolosamente la vita e la morte di Tenco, pubblicando già diversi libri, ha scoperto chi è l’assassino e presto ne renderà pubblico il nome".

 

 

 

Patruno racconta ancora dei dettagli: "Io Luigi lo conoscevo benissimo: era un giovane allegro e solare; quell’immagine da depresso cronico gli è stata cucita addosso dopo, per giustificare la tesi del suicidio".

La versione di Patruno è quella che "Tenco si era ficcato in un brutto giro. Per motivi di marketing lo avevano “fidanzato” con Dalida, un brutto e ambiguo personaggio che andava in giro con un tale ancora più brutto e ambiguo di lei, Lucien Morisse, il suo primo marito da cui aveva divorziato ed era rimasto al suo fianco in qualità di agente e personal manager.

 

 

Si diceva che questo Morisse - sono ancora parole di Patruno - fosse addirittura legato al Clan dei marsigliesi. Si diceva anche che Tenco, quella sera, era incavolato nero, non per l’eliminazione della sua canzone, ma perché aveva scoperto che il Festival era tutto truccato. Forse voleva pubblicamente denunciare anche un giro di scommesse clandestine. Probabilmente qualcuno gli ha chiuso la bocca prima che potesse fare danni".