Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Claudio Amendola: l'amore per Francesca Neri, i tre figli e la vita cambiata dopo l'infarto

  • a
  • a
  • a

Claudio Amendola stasera in tv - sabato 6 febbraio 2021 - ospite di C'è posta per te la trasmissione di Canale5 condotta da Maria De Filippi. Sarà una delle sorprese per uno dei partecipanti.

L'attore e regista romano, 57 anni, è figlio di Ferruccio attore e storico doppiato di Robert De Niro e Al Pacino. Claudio dopo aver lasciato la scuola dopo la terza media e aver lavorato come commesso e manovale, ha esordito in tv a diciannove anni nella miniserie Storia d'amore e amicizia (1982). Poi diventa protagonista di pellicole cult della commedia italiana dei primi anni Ottanta (Amarsi un po', Vacanze di Natale, Vacanze in America, Professione vacanze) per poi essere scelto per personaggi più drammatici (Soldati - 365 all'alba, Ultrà, Mery per sempre) e passare quindi alle fiction italiane.  Nel 1993 vince il premio David di Donatello come migliore attore non protagonista del film Un'altra vita con Silvio Orlando e Antonello Fassari. Riscuote un grande successo con I Cesaroni, fortunata serie TV andata in onda dal 2006 al 2014 per sei stagioni su Canale5. Scopre con la conduzione: Scherzi a parte, Le Iene, mentre nel 2014 debutta come regista cinematografico dirigendo la commedia La mossa del pinguino; in tale film recitano pure la madre Rita e la figlia Alessia. Nell'autunno 2015 torna nelle sale cinematografiche con il film Suburra di Stefano Sollima.

La sua attuale compagna è l'attrice Francesca Neri, che ha sposato a New York l'11 dicembre 2010, dalla quale ha avuto nel 1999 il figlio Rocco. Ha altre due figlie avute da una precedente relazione con Marina Grande, si chiamano Giulia e Alessia (quest'ultima nota doppiatrice, che nel 2010 lo ha reso nonno per la prima volta). Nel settembre 2017 viene colto da un infarto improvviso e grazie alla moglie Francesca riesce ad arrivare in tempo in ospedale, dove viene ricoverato nel reparto cardiochirurgia del Policlinico Umberto I a Roma. Da quel giorno ha smesso di fumare.