Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Anna Valle, l'amore per Ulisse e i figli Ginevra e Leonardo. L'attrice soffre di una malattia cronica

  • a
  • a
  • a

Anna Valle ospite questo pomeriggio, sabato 6 febbraio 2021, di Verissimo, la trasmissione di Canale5 condotto da Silvia Toffanin. L'attrice, 45 anni originaria di Roma ma cresciuta in Sicilia, racconterà la sua recente esperienza con il Covid.

 

 

Vincitrice di Miss Italia nel 1995 è diventata immediatamente uno dei volti più eleganti della fiction italiana. A iniziare da Commesse (1999), con Sabrina Ferilli e Nancy Brilli. Successivamente partecipa come protagonista a Cuore (2001), Papa Giovanni e Per amore del 2002, Augusto e Soraya del 2003, Le stagioni del cuore (2004), Callas e Onassis (2005), Fuga per la libertà - L'aviatore (2008) e Nebbie e delitti 3 (2009). E poi la miniserie Atelier Fontana - Le sorelle della modaUn amore e una vendetta insieme ad Alessandro Preziosi. Nell'estate 2012 affianca Bruno Vespa nell'edizione 2012 del Premio Campiello. Quindi veste i panni di Anna Ferraris nella fiction Questo nostro amore, poi Sorelle, in cui interpreta la protagonista Chiara. A partire dal 7 gennaio 2019 è in tv come Irene, insegnante di musica ed ex-moglie del direttore d'orchestra Luca Marioni. All'interpretazione televisiva, che la vede protagonista in diversi ruoli negli anni, Anna Valle affianca da tempo anche l'interpretazione teatrale.

 

 

L'attrice è molto riservata sulla sua vita privata. Sposata nel 2008 con Ulisse Lendaro, avvocato, regista e produttore, dal quale ha avuto i figli Ginevra e Leonardo, la coppia si era conosciuta nel 2006 a Vicenza in occasione di uno spettacolo teatrale dell’attrice. Il classico amore a prima vista che viene raccontato dall'attrice su Istagram dove conta oltre centomila followers che la seguono con grande affetto e partecipazione. Recentemente Anna ha svelato di soffrire, in maniera cronica, di una malattia: la sindrome del colon irritabile che saltuariamente la fa stare male con fitte dolorosissime anche per cinque o sei ore consecutive.