Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Veronica Maya, tre matrimoni con lo stesso uomo e quell'aggressione che ha lasciato un segno

  • a
  • a
  • a

Veronica Maya tra gli ospiti della terza puntata di "Stasera tutto è possibile" il commedy show, in onda stasera martedì 1 febbraio su Rai2, condotto da Stefano De Martino. 

 

 

Veronica, conduttrice di successo, ha 43 anni ed è originaria di Parigi. Figlia di un ristoratore e di una regista teatrale, all'età di 5 anni si trasferisce a Piano di Sorrento, nel Napoletano. Grazie a una borsa di studio debutta a teatro in alcuni musical sino al successo di "Amici miei" con Jerry Cala e Franco Oppini. In tv inizia a Teleroma 56 per poi sbarcare in Rai: prima lo sport (Sabato Sprint e Dribbling), poi la tv dei ragazzi (Zecchino d'Oro dal 2006 al 2014). Poi arriva la chiamata per Unomattina, Linea Verde, Verdetto Finale ed è una concorrenti della quarta edizione di "Tale e Quale show" nel 2014. Dopo l'avventura con Agon Channel, nell'estate scorsa è tornata in Rai per condurre "L'Italia che fa".

 

 

La sua vita sentimentale va a gonfie vele: sposata tre volte con altrettante cerimonie con Marco Moraci, noto chirurgo plastico siciliano, ha avuto tre bambini: Riccardo Filippo, Tancredi Francesco  e Katia Eleonora. La coppia nel 2012 è balzata agli onori della cronaca a causa di uno spiacevole episodio. Infatti nel febbraio 2012 sono stati vittime di un’aggressione da parte di alcuni muratori che stavano facendo dei lavori di ristrutturazione nell’appartamento al piano di sopra rispetto a quello della coppia. Tutto accadde quando la conduttrice, che aveva da poco partorito il suo primo figlio, si lamentò con gli operai a causa dei forti rumori che avvenivano a ogni ora del giorno, anche nel week end, e venne aggredita verbalmente. Poi intervenne suo marito, che fu colpito con schiaffi e con una martellata. Rifugiatisi nell’appartamento di una vicina, i due decisero di sporgere denuncia e nel 2020 hanno ottenuto giustizia, con la condanna da parte del giudice nei confronti dei due aggressori. “Di quell’aggressione porto ancora i segni, ho una cicatrice sul polso che nascondo con l’orologio”, ha raccontato Veronica.