Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Carlo Verdone svela i suoi ricordi più intimi nel nuovo libro "La carezza della memoria". Il post su facebook

  • a
  • a
  • a

Carlo Verdone torna a parlare di sé, della sua vita, dei suoi ricordi e anche dei suoi successi nel suo ultimo libro che uscirà il 16 febbraio, dal titolo "La carezza della memoria". L'annuncio è arrivato attraverso un post sulla pagina facebook dell'attore romano, seguita da oltre 500 mila utenti.

 

"Cari amici, dopo nove anni dalla pubblicazione de La Casa Sopra i Portici, il 16 febbraio esce il mio nuovo libro. Il titolo sarà La carezza della memoria. Il libro, scritto in 10 mesi, ha visto le prime pagine durante il lockdown del marzo 2020, per esser completato nel Dicembre dello stesso anno. Tutto ha preso l’avvio da un grosso scatolone sigillato dal mio compianto segretario Ivo Di Persio nel 2013, sul quale aveva scritto 'foto, lettere e documenti da riordinare'. Nella solitudine di una giornata di clausura per la pandemia ho deciso di aprire quel grosso cartone. Ricordo la pesantezza e la difficoltà che avevo nel muovermi a causa delle mie anche senza cartilagini, tant’ è che prima di appoggiarlo mi sono bloccato per il dolore e lo scatolone è caduto rompendosi". 

 

Verdone, che ha già scritto libri autobiografici, continua nel racconto: "Davanti a me foto vecchie, recenti, a colori, in bianco e nero, polaroid, lettere, piccoli oggetti, disegni, agende. Seduto su una sedia osservavo tutta quella roba sparpagliata in terra. Ma ogni oggetto, ogni foto, ogni elemento aveva una storia da raccontare, un momento della mia vita che avevo in parte rimosso. E così proprio quel giorno decisi che il libro sarebbe stato il ritornare nel ricordo di quello che vedevo sparso in terra. Avevo trovato la spinta per iniziare a ripercorrere tempi lontani, momenti attuali, storie sentimentali, episodi esilaranti, incontri dolenti, vicende piene di stupore e poesia che meritavano di esser fermati prima che l’oblio li cancellasse dalla mia mente. Mi sono emozionato a scriverlo perchè entravo nel labirinto della memoria. Spero che qualche pagina possa farvi compagnia come una carezza. Ho raccontato di me. Ma qualche emozione forse riguarderà anche voi, ne sono certo", ha concluso.