Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 28 gennaio, su La7 torna Piazzapulita: la crisi di governo e l'allarme vaccino

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, 28 gennaio, su La7 il classico appuntamento del giovedì con Piazzapulita, il talk condotto da Corrado Formigli. Vaccini, dati Covid 19 e crisi di governo saranno al centro del confronto con i numerosi e autorevoli ospiti della puntata in onda a partire dalle ore 21.15. Naturalmente si annuncia intenso il dibattito sul difficile momento politico che sta vivendo il Paese e che ovviamente sarà affrontato alla luce del giro delle consultazioni del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Dopo aver ascoltato i presidenti di Camera e Senato nella giornata di ieri (mercoledì 27 gennaio), oggi 28 ha iniziato con i partiti e nel pomeriggio ha incontrato, Leu, Partito Democratico e l'Italia Viva di Matteo Renzi. Nella puntata di questa sera, però, grande attenzione sarà posta anche alla questione vaccini, in particolare sullo scontato ritardo delle dosi di AstraZeneca. Il rischio è che la campagna vaccinale in Italia subisca uno slittamento in avanti, allontanando la sognata immunità di gregge.

Guardiamo da vicino quali saranno gli ospiti Piazzapulita. Intanto il virologo Andrea Crisanti e lo psichiatra Luca Pani che affronteranno il dibattito sul legame tra politica e Covid insieme a Pierpaolo Sileri, viceministro uscente della Salute. Tra i giornalisti ospiti della trasmissione sono annunciati Paolo Mieli, Antonio Padellaro, Federica Angeli e Annalisa Cuzzocrea. Linda Giannattasio, invece, parlerà dei temi relativi alla disuguaglianza e della crescita esponenziale del tasso di povertà. Presenza ormai fissa quella di Selvaggia Lucarelli. Insomma una serata che si annuncia particolarmente intensa, proprio alla luce della crisi politica.

Il tema dei vaccini era stato affrontato anche nella puntata precedente, concentrando l'attenzione in particolare sulla variante brasiliana e su quella inglese. Formigli aveva proposto anche l'intervista ad Alberto Fedele, direttore sanitario della Asl di Lecce che aveva sottolineato di essere riuscito a isolare 32 casi delle nuove varianti del Covid 19.