Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 28 gennaio, su Rete 4 torna Dritto e Rovescio: crisi di governo, emergenza Covid e allarme vaccino

Del Debbio Dritto e Rovescio 

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, 28 gennaio, su Rete 4 classico appuntamento del giovedì con Dritto e Rovescio, il talk condotto da Paolo De Debbio. Come al solito al centro dell'analisi la situazione politica italiana, ma anche la pandemia da Covid 19 e le pesanti conseguenze per il Paese, sia dal punto di vista sanitario che economico. Il governo Conte Ter ce la farà a nascere? Questa è la domanda principale che verrà posta ai numerosi ospiti e di cui si parlerà durante al trasmissione, anche alla luce delle prime consultazioni dei partiti da parte del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. E' annunciata la presenza per Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia.

Sin dai primi giorni della crisi ha ribadito con grande energia che secondo lei l'unica soluzione è quella di andare alle urne e votare. Lo considera il modo migliore per dotare il Paese di un governo forte e compatto. Ovviamente è convinta che a vincere sarebbe il centrodestra. Naturalmente nel corso della puntata di Dritto e Rovescio non si parlerà soltanto della situazione politica e della crisi di governo. L'emergenza Covid 19 sarà il secondo argomento. Nonostante inizino ad arrivare risultati leggermente confortanti sul fronte della diffusione del virus, restano molti i commercianti e le aziende costretti alla chiusura con gravi problemi anche sul fronte del lavoro.

Sono soprattutto i piccoli imprenditori a chiedere aiuto, continuando a protestare per la mancanza di sostegno adeguato, mentre le loro imprese soffrono giorno dopo giorno. Ma durante la puntata è annunciato anche un approfondimento sul caso vaccini. In Italia, come in altri Paesi europei, sono venute a mancare migliaia di dosi e la campagna vaccinale rischia di rallentare notevolmente e di allontanare ancora di più la sospirata e attesa immunità di gregge. Quali sono le scelte da prendere in una fase così delicata? E come devono comportarsi Italia ed Europa?