Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Milano bloccata da una Rolls Royce, ma non è di Flavio Briatore. Il gallerista sosia Luigi Proietti si scusa: "Colpa mia" | Video

  • a
  • a
  • a

"Non è stato Flavio Briatore a bloccare Milano con la Rolls Royce, sono stato io". Lo rivela a leggo.it Luigi Proietti, 61 anni, gallerista d'arte. E' molto conosciuto e dell'imprenditore sembra essere un sosia. Sia il taglio di capelli che il look si somigliano in maniera impressionante. Dopo molte ore di polemica sulla rete e di accuse ingenerose verso il titolare del Billionaire, Proietti ha deciso di svelare la verità: è stata la sua auto a bloccare il traffico nel centralissimo corso Magenta.

"Dovevo svolgere una commissione urgente. Ho parcheggiato pensando di non creare disagio a nessuno. Figuriamoci. Tempo qualche minuto e ho capito che invece la vettura bloccava il tram. Non ci avevo pensato. Sono subito uscito dal negozio e l'ho spostata". Ma evidentemente "qualcuno aveva già ripreso la scena e si era diffusa la notizia che fosse stato Briatore. Proprio Flavio mi ha contattato: mi scuso con lui. Ci ho parlato al telefono, è stato gentilissimo con me. Preciso che non ha alcuna responsabilità: chiedo scusa ai milanesi se per colpa mia ho fatto perdere 4 minuti a qualcuno che transitava in corso Magenta".