Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Stanotte con Caravaggio" stasera in tv mercoledì 16 dicembre 2020 su Rai1 Alberto Angela e l'arte di Michelangelo Merisi

  • a
  • a
  • a

Va in onda questa sera, mercoledì 16 dicembre in prima serata su Rai1 alle 21.25, il programma di Alberto Angela che racconta la vita e le opere di uno dei più grandi, amati e controversi pittori della storia dell’arte: Michelangelo Merisi. “Stanotte con Caravaggio” è una puntata inedita di Rai1  realizzata dalla Rai, con spettacolari riprese da droni, elicottero, effetti visivi, minifiction.

Il racconto parte da Palo Laziale, l’ultimo approdo conosciuto di Caravaggio prima della morte. Di Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, conosciamo alcuni momenti, ben documentati in carte conservate nell’Archivio di Stato a Sant’Ivo alla Sapienza: denunce, sequestri, contratti. Ma tutto il resto è in ombra. Alberto Angela nella notte romana andrà da Sant’Ivo alla Sapienza alla splendida Galleria Borghese dove è conservata una delle più vaste collezioni al mondo di quadri caravaggeschi, e spiegherà come il pittore realizzava i suoi quadri, aiutandosi con lo specchio. Poi si apriranno le porte del Casino dell’Aurora per vedere un’autentica rarità: l’unica pittura murale di Caravaggio, un soffitto con tre autoritratti.

A San Luigi dei Francesi un ospite d’eccezione, l’autore della fotografia Vittorio Storaro, tre volte premio Oscar, racconterà l’influenza che la Vocazione di San Matteo ha avuto sul modo di concepire la luce nel cinema. La chiesa di Santa Maria del Popolo, e poi Napoli, Malta, la Sicilia: tappe che un Caravaggio sempre in fuga attraverserà prima di approdare a Palo Laziale e sparire nel nulla in Maremma.
A punteggiare il racconto saranno le “testimonianze d’epoca”: Massimo Bonetti interpreterà Giovanni Baglione, biografo e rivale di Caravaggio e Anna Safronick sarà Lena, colei che fu modella e amante del pittore. Interverranno in qualità di esperti la storica d’arte Rossella Vodret, il maestro di scherma Renzo Musumeci Greco e lo storico e archivista di Stato Michele Di Sivo.