Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv 24 agosto, su Rai3 c'è "Presa Diretta" con il terremoto di 4 anni fa e la ricostruzione mancata

  • a
  • a
  • a

Riparte una nuova stagione di Presa Diretta su Rai 3 da lunedì 24 agosto. In prima serata alle 21:20 c'è infatti il primo appuntamento, curato come sempre da Riccardo Iacona, dedicato al terremoto del centro Italia che quattro anni fa ha distrutto molti paesi. Presa Diretta ha fatto un viaggio all’interno del cratere del sisma per raccontare perché la ricostruzione non è mai decollata. I soldi c’erano, eppure le zone terremotate di Abruzzo, Marche, Umbria e Lazio sembrano dimenticate e abbandonate al loro destino. In studio, ospiti del conduttore, Carlo Cottarelli, economista e direttore dell’Osservatorio per i Conti Pubblici Italiani; Mario Tozzi, geologo e divulgatore scientifico; Nicola Alemanno, sindaco di Norcia; Cesare Spuri, direttore dell’Ufficio Speciale Ricostruzione per la Regione Marche. A 4 anni dalla prima scossa un pezzo dell’Italia centrale è ancora in ginocchio e rischia di spopolarsi definitivamente. Le macerie non ancora rimosse del tutto, i cantieri privati e quelli pubblici che non riescono a partire, le imprese che non ce la fanno più, la popolazione sparsa tra hotel, casette e container. I sindaci che denunciano: c’è troppa burocrazia. Ma c’è anche la svolta positiva delle iniziative messe in campo dal nuovo Commissario Straordinario alla Ricostruzione e le novità contenute nel decreto Semplificazione e in quello di Ferragosto che potranno accelerare una ricostruzione mai partita. E ancora, le mappe di pericolosità sismica, sono affidabili? Oggi l’Italia colpita dal sisma aspetta di capire se le misure previste dal Decreto Semplificazioni riusciranno a sbloccare finalmente i cantieri. Presa Diretta è andata poi a Genova durante la ricostruzione del ponte Morandi, per capire se rappresenta un modello esportabile per le opere pubbliche.