Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chernobyl stasera in tv 25 giugno su La7, terza e quarta puntata. Ecco chi sono i protagonisti e cosa accadde

Julie Mary Marini
  • a
  • a
  • a

Secondo giovedì dedicato alla miniserie Chernobyl, stasera 25 giugno su La7, a partire dalle ore 21.15. Sono in programma la terza e la quarta puntata di quella che viene considerata una delle più belle serie televisive di sempre. Scritta da Craig Mazin e diretta da Johan Renck racconta la più grande tragedia nucleare della storia dell'uomo, Avvenne il 26 aprile del 1986, alle ore 1.23 del mattino, nell'impianto Lenin, in Ucraina settentrionale.

L'incidente è classificato di settimo livello così come quello che si è verificato poi a Fukushima, nel marzo 2011. La serie racconta quello che accadde la notte della tragedia e nei mesi che seguirono, ma anche i tentativi del regime sovietico inizialmente di nascondere e poi di minimizzare, la portata del dramma. Pluripremiata ed esaltata dalla critica, la fiction non si limita a spiegare fatti e retroscena ma aiuta anche a conoscere alcuni dei protagonisti dell'intera vicenda e come hanno vissuto un evento che ha segnato negativamente la storia del loro Paese.

I primi due episodi hanno ottenuto ottimi ascolti, oltre un milione e 300mila spettatori la puntata iniziale, oltre 800mila la seconda. Stasera 25 giugno terza e quarta, il prossimo giovedì, il 2 luglio, la quinta che chiude la serie. 

I protagonisti: Valerij Alekseevic Legasov, vicedirettore dell'istituto dell'energia atomica; Boris Shcherbina, vicepresidente del consiglio dei ministri e capo dell'ufficio per il combustibile e l'energia; Ulana Khomyuk, scienziata dell'istituto per l'energia nucleare dell'Accademia di scienze della Rss Bielorussa; Anatolij Dyatlov, assistente capo ingegnere della centrale elettrica nucleare di Cernobyl; Lyudmilla Ignatenko, moglie del pompiere Vasily Ignatenko; Vasily Ignatenko, vigile del fuoco 25enne che vive a Prypjat; Viktor Bryukhanov, direttore della centrale elettrica nucleare di Cernobyl; Nikolai Fomin, capo ingegnere della centrale elettrica nucleare di Cernobyl; Aleksandr Akimov, supervisore di turno del gruppo notturno; Leonid Toptunov, ingegnere capo della manutenzione del reattore; Michail Gorbaciov, segretario generale del Partito Comunista dell'Unione Sovietica; Vladimir Pikalov, comandante delle Forze Chimiche Sovietiche; Aleksandr Carkov, presidente del Kgb; Andrei Glukhov, capo squadra dei minatori; Nikolai Tarakanov, comandante dei liquidatori dell'Unione Sovietica; Pavel Gremov, ragazzo assegnato a servire come liquidatore; Baco, soldato georgiano e veterano della Guerra in Afghanistan; Andrei Stepasin, pubblico ministero per il processo di Dyatlov, Bryukhanov e Fomin.