Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Don Matteo, Belen infiamma le riprese: paparazzi in agguato

Roberto Minelli
  • a
  • a
  • a

Sono incandescenti ormai da giorni i telefoni del Comune di Spoleto, a cominciare da quello della funzionaria a cui è stata affidata la pratica Don Matteo, Anna Cedroni. Alla cornetta operatori turistici, commercianti e responsabili di associazioni benefiche, ma anche fan club o semplici innamorati di Belen Rodriguez, che arriverà in città nella serata di mercoledì 16 o nella mattinata di giovedì 17 settembre, girerà in piazza Duomo la parte che lo sceneggiatore ha scritto per lei che, dunque, interpreterà un piccolo ruolo nella prima puntata della decima stagione e dovrebbe vestire i panni di una parente di Andrès Gil. La data di arrivo della showgirl argentina alla fine, nonostante la grande attenzione che Comune e Lux Vide, casa di produzione del noto sceneggiato, hanno prestato per blindarla, è filtrata. La location in cui Belen alloggerà, però, resta per ora stretta nel massimo riserbo anche se in agguato ci sono già diversi paparazzi inviati a Spoleto dalle redazioni dei giornali specializzati in cronaca rosa che ormai da alcuni giorni danno il tormento allo staff di Don Matteo per organizzare al meglio la trasferta e tornare a casa con gli scatti migliori, assiepandosi magari nei palazzi di piazza Duomo set principale della fiction. Ma se da tutto il centro Italia si continuano a moltiplicare le richieste di informazioni, anche gli spoletini fanno la propria bella parte. In pole position commercianti del centro storico e albergatori che stanno praticamente supplicando il Comune per poter accogliere in negozi e strutture ricettive, anche solo per qualche minuto, la showgirl argentina. Tant'è che a Palazzo è stato perfino predisposto una sorta di programma che prevede il passaggio di Belen in una serie di bar, ristoranti, sedi di associazioni e quant'altro. Il piano è curato nei minimi particolari, ma ora occorrerà capire se Belen sarà disponibile al pari di tutti degli attori di Don Matteo.