Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ecco Umbria Jazz 15: Lady Gaga, Tony Bennett, Paolo Conte e non solo

Claudio Bianconi
  • a
  • a
  • a

Nell'anno che l'eco mediatica tributerà al guancia a guancia (dal titolo dell'album Cheek to cheek) tra Lady Gaga e Tony Bennett, Umbria Jazz 15 continuerà a seguire il criterio della qualità senza differenziazioni di genere e stili. Uj # 15 abbraccia infatti  anche il pop e include più in generale anche l'arte. Mutuando alcuni grandi dipinti del ciclo cromatico burriano per i suoi manifesti, il festival celebra il centenario della nascita di Alberto Burri, il grande Maestro tifernate che ha caratterizzato l'astrattismo a cominciare dagli anni Sessanta. Nel giorno di anteprima giovedì 9 luglio, saranno Paolo Fresu e Charles Lloyd a ricevere le lauree honoris causa del Berklee College of Music di Boston che quest'anno celebra i 30 anni di collaborazione con Umbria Jazz. LEGGI il programma Il main stage dell'arena Santa Giuliana sarà riservato invece ai protagonisti dell'universo jazz e non solo: Tony Bennett con Lady Gaga, Chick Corea con Herbie Hancock, Caetano Veloso con Gilberto Gil, Paolo Conte, Brad Mehldau, Subsonica, Cassandra Wilson, Charles Lloyd, Dianne Reeves, Bill Frisell, Enrico Rava, Stefano Bollani, Paolo Fresu, Danilo Rea. Concerti gratuiti in piazza IV Novembre e ai Giardini Carducci senza dimenticare le marching band  su tutto il centro storico di Perugia. All'Arena Santa Giuliana primo appuntamento domani, venerdì 10 luglio, con Paolo Conte, seguirà la lunga carrellata di star che si articolerà per dieci giorni sino al concerto finale gratuito di domenica 19 luglio.Per l'occasione il concerto della Faculty Band di Larry Monroe e Donna McElroy e di Alessia Benveniste e The Funketeers suggelleranno l'evento in piazza IV Novembre. Per il resto Umbria Jazz conferma e consolida la sua formula con duecentocinquanta appuntamenti musicali in dieci giorni che si snodano in sei stage nel centro storico di Perugia da mezzogiorno alle prime ore dell'alba. Soprattutto jazz e black music domineranno le scene (anche quelle notturne del teatro Morlacchi), ma si potrà ascoltare anche soul e canzone d'autore, ritmi latini e musica elettronica.