Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Teatro comunale da intitolare a Lucio Vinciarelli, raccolte oltre mille firme

Lucio Vinciarelli

Euro Grilli
  • a
  • a
  • a

L'iniziativa è degna di lode: intitolare il teatro comunale a Lucio Vinciarelli, attore, comico e regista teatrale, scomparso l'11 marzo 2008 all'età di 52 anni. Proprio l'altra mattina sono state consegnate al protocollo del Comune di Gubbio, moltissime firme di cittadini, che chiedono che gli venga intitolato il teatro comunale. Questa “petizione”, promossa da Giancarlo Piergentili, si è svolta solo con il passaparola e ha avuto un enorme consenso di cittadini, che nutrono un grandissimo affetto per il bravissimo e indimenticabile attore. Vinciarelli è stato davvero un grandissimo personaggio. Dopo aver lavorato alle Poste a Torino aveva lasciato l'impiego per abbracciare la grande passione della sua vita, la recitazione e il teatro. Ha scritto e interpretato “The famous mago Mac Cheroni”, con cui ha vinto il premio Zanzara d'oro, concorso nazionale per nuovi comici, San Giorgio cavaliere - con cui fu finalista nel premio teatrale Scenario - e Che Guevara e Don Chisciotte, rappresentati con successo di critica e di pubblico in Italia e all'estero. Ha scritto anche e interpretato la vita dei santi della Festa dei Ceri. Lo ricordiamo in una delle sue più esilaranti perfomance in Versilia, a Viareggio, invitato dall'Ente Carnevale della città toscana. In quell'occasione si era esibito a fianco di “mostri” come Panariello e Pieraccioni riscuotendo un successo straordinario per il suo humour fatto anche di esilaranti silenzi supportati da una cinesi facciale e una mimica che gli consentivano di trasformarsi in una maschera carnevalesca, irresistibile, capace di creare emozioni uniche e indimenticabili. Così come, nel momento drammatico, di innescare suggestioni di straordinaria profondità.