Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, Festival di Sanremo 2021 rischia di slittare di mesi: rivelazione del patron dell'Ariston

Federico Sciurpa
  • a
  • a
  • a

Coronavirus, le ripercussioni già si sentono sul 2021. E coinvolgono il Festival di Sanremo 2021. La kermesse dell'Ariston potrebbe addirittura non tenersi nel mese di febbraio, ma slittare di uno o due mesi a causa dell'emergenza Covid-19. Il patron del Teatro Ariston, Walter Vacchino, ha rilasciato una intervista a Sanremo News nella quale spiega la situazione in maniera molto chiara. "Serve un'ampia riflessione. Se la data di inizio febbraio non permette di fare un Festival con luci, lustrini e tutto il resto, allora può essere che si pensi di spostarlo in avanti di uno o due mesi", afferma il patron.. Per approfondire leggi anche: Amadeus: Bis? Ci penseremo  "Ovviamente se tutto questo permette di essere più tranquilli per tutti i protagonisti, dagli artisti agli addetti ai lavori e se la programmazione Rai lo può prevedere. L'altra ipotesi, quella più ottimistica, è che ai primi di febbraio la situazione sia tale da permettere, rispondendo a certe norme, di godersi lo spettacolo come in qualsiasi altro teatro. C'è un'ultima ipotesi che non voglio nemmeno tenere in considerazione", ha affermato Vacchino. Per la prossima edizione, al di là del mese nel quale si terrà il Festival, si prevede un Amadeus bis, che forse ritroverebbe Fiorello e porterebbe sul palco l'altro ex ragazzo di Radio Deejay, Jovanotti. Davvero suggestiva.