Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sanremo, nuova bufera sul Festival per la partecipazione di Junior Cally: "Frasi sessiste e violente"

Jacopo Barbarito
  • a
  • a
  • a

Non c'è pace per il Festival di Sanremo 2020: dopo la recente polemica per le frasi di Amadeus sulle donne (guarda qui il video) con tanto di retromarcia del conduttore (leggi qui), un'altra bufera sta investendo il festival della musica italiana. Esponenti politici di Lega, Pd, M5S, sia uomini che donne, hanno stigmatizzato la partecipazione del rapper Junior Cally. Nel mirino degli esponenti politici dei vari partiti i testi di alcune sue canzoni, definiti "sessisti e violenti". "Chi predica in maniera esplicita e orgogliosa stupro e femminicidio non merita il palco dell'Ariston", spiegano gli esponenti leghisti in commissione vigilanza Rai. Durissimo anche Marcello Foa: "Al festival scelte eticamente inaccettabili per la stragrande maggioranza degli italiani".