Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Festa della Rete, tutti i premiati ai #Mia19

Sabrina Busirivici
  • a
  • a
  • a

E' Lercio il super premiato ai Macchianera Internet Awards 2019. Il sito satirico in gara su tre categorie fa l'en plein. E si aggiudica il miglior sito (24.703 voti) battendo Freeda e Salvatore Aranzulla. La miglior battuta (14.767) - “Salvini dimentica un porto socchiuso: sbarcati 800.000” - e supera così Gianluca Chiappini e Spinoza. Infine, top anche per il miglior sito satirico (41.421). La redazione corale de “Lo sporco fa notizia” sconfigge in questo caso Il signor Distruggere e ancora una volta Spinoza. Il miglior personaggio dell'anno va a L'Estetista cinica, ovvero, la 45enne Cristina Fogazzo. Al secondo e terzo posto ci sono rispettivamente l'attivista svedese Greta Thumberg e l'influencer Chiara Ferragni. Il premio, da ricordare assolutamente, due anni fa era stato vinto da Papa Francesco e consegnato direttamente in Vaticano. Con una cerimonia al teatro Morlacchi ieri sera sono stati assegnati gli Oscar della Festa della Rete.  I numeri A votare i 300 candidati, per 31 categorie, sono stati 169.351 utenti del web (+11% rispetto al 2018) per un totale di 3.026.422 preferenze espresse (+6% rispetto al 2018). Dati che danno soddisfazione all'organizzazione. Tutti i premiati Oltre ai vincitori già segnalati ecco gli altri super cliccati: Luis Sal, miglior personaggio rivelazione (16.262); Commenti memorabili, miglior pagina Facebook (29.773); MaratonaMentana, miglior meme: la lunga notte (Comunisti per Deeneyers Targaryen) (22.704); Fiorello, miglior tweeter (20.117); Luca Bizzarri, miglior articolo o post (8.376); Camihwake, miglior instagrammer (30.870); Ansa, miglior sito di news (22.964). Qui seguono Il Post e Fanpage.it. E poi, a The Jackal v ail premio del miglior creator-vedeomaker; Senza pensieri, miglior video musicale; Salvini l'Aggiustatutto, miglior video comico; Hall of Series, miglior sito televisivo; Morgana, miglior radio online o podcast; Deejay Chiama Italia, miglior trasmissione radio; MyMovies, miglior sito cinematografico; Rolling Stone, miglior sito musicale; Tegamini, miglior sito letterario; Clio MakeUp, miglior sito fashion e beauty; Giallo Zafferano, miglior sito food; Benedetta Rossi, miglior foodblogger; The Pozzoli's family, miglior sito per genitori e famiglia; Wikipedia, miglior sito divulgativo; LGBT Italia, miglior sito Lgbt; Turisti per caso, miglior travelblogger; Zerocalcare, miglior disegnatore-vignettista; We are social, miglior web agency; Netflix, miglior brand online. E infine, #restiamoumani, miglior hastag. Battuto “Dio” Nel rendere un po' più umbra la Festa c'è da dire che si è posizionato al secondo posto per il miglior tweeter: Dio, al secolo Alessandro Paolucci, il folignate seguito da 830 mila follower. Un po' umbra, per il legame con il perugino Aimone Romizi, leader dei Fask, è l'instagrammer: Camihawake, prima nella sua categoria. Lei conta 1 milione di seguaci e si presenta così: “Faccio tanto cose, ma non sono esperta di nulla perchÉ rimango umile”. Si è, invece, fatta superare, da Luis Sal alla voce personaggio rivelazione.