Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ternana, emergenza difesa: ma Tesser non cambia modulo

Luca Giovannetti
  • a
  • a
  • a

La Ternana perde i pezzi e quindi deve affrontare il Brescia in una situazione di assoluta emergenza, senza lo squalificato Popescu e senza gli infortunati Masi, Bastrini, Ferronetti e Bojinov. E il quadro da allarmante potrebbe diventare catastrofico se dovessero dare forfait anche Vitale e Gavazzi (alle prese rispettivamente con la tallonite e con una infiammazione al pube e costretti quindi a lavorare a scartamento ridotto). Difesa rimaneggiata Rinunciare contemporaneamente ai potenziali titolari della difesa a tre, ossia Masi, Ferronetti e Bastrini, e a un co-titolare affidabile come Popescu, costantemente tra i migliori in campo da quando viene impiegato in pianta stabile, è complicatissimo. Di fatto Tesser sceglie l'unica soluzione possibile per non cambiare modulo, confermando Valjent come marcatore di destra e Meccariello come centrale e mutando il ruolo di Fazio, che cede la posizione di laterale destro a Janse per diventare marcatore di sinistra. Dunque contro il temibile tandem offensivo delle Rondinelle, formato da Caracciolo e Corvia, pacchetto arretrato rossoverde inedito e privo di specialisti nel gioco aereo. Del resto se tra frattura alla tibia (Masi), contrattura (Ferronetti) e pubalgia (Bastrini) sono out tutti i teorici cardini del pacchetto arretrato bisogna fare di necessità virtù e confidare in una grande prova dei sostituti. Che però sono giovanissimi e fuori ruolo (Valjent), giovani (Meccariello) e relativamente giovani e destinati a giostrare in una posizione diversa da quella abituale (Fazio). Altri reparti Se Vitale e Gavazzi dovessero farcela la linea mediana sarebbe quella tipo, tranne Janse (peraltro sempre positivo quando utilizzato) sulla destra al posto di Fazio (dirottato in difesa). Infatti con i sovracitati Vitale e Gavazzi nei ruoli abituali di laterale mancino e di interno destro sarebbero Viola ed Eramo a completare il reparto centrale. In avanti invece spazio all'accoppiata formata da Avenatti e Ceravolo, destinati ad agire in tandem anche contro Bologna e Latina, in attesa del recupero di Bojinov (che potrebbe tornare a fine mese nella trasferta di Avellino). Alle loro spalle i nuovi arrivati, ossia la punta centrale croata Dugandzic e l'attaccante di movimento franco-serbo Milinkovic (arrivato il transfer internazionale). Ma anche Falletti potrebbe agire come seconda punta. Oppure potrebbe giostrare come trequartista (in alternativa è pronto Piredda) nel modulo 4-3-1-2, magari adottabile a gara in corso.