Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grifo, emergenza finita: ora Bisoli può scegliere

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

E' lunghissimo l'elenco delle indisponibilità in casa biancorossa da inizio stagione. L'emergenza costante ha indubbiamente ingigantito i mali del Grifo e va inserita nelle caselle delle attenuanti. Ben 19 dei 24 grifoni della rosa sono stati costretti ad alzare bandiera bianca per un periodo più o meno lungo. Sabato 21 novembre arriva il Brescia al Curi e, per la prima volta, ad eccezione dello squalificato Comotto, il Perugia si presenta al completo. Anche Fabinho ha smaltito la botta al ginocchio rimediata domenica scorsa, è tornato ad allenarsi regolarmente e il tecnico Bisoli può scegliere in tutti i reparti. Segnali di 4-3-3 - Anche per questo nella settimana di lavoro post Ascoli, per ricaricare il gruppo sotto vari profili, agonismo compreso, l'allenatore biancorosso ha spesso ruotato i suoi uomini tenendo tutti sulla corda. Nella seduta squisitamente tattica di giovedì 19 novembre Bisoli ha affondato ancora sul 4-3-3 e sembra aver delineato la struttura dell'undici titolare lasciando aperte le porte a un possibile ballottaggio per reparto. L'emergenza è alle spalle anche se rimane un minimo di difficoltà sulle corsie difensive: i due terzini di ruolo, Del Prete e Alhassan, sono recuperati ma reduci da acciacchi e, se il primo partirà dal primo minuto vicino a Volta e Belmonte, per il ghanese, che convive con un problema al ginocchio, è possibile un rientro graduale. Eventualmente spazio dunque alla riproposizione, a sinistra, del jolly Spinazzola. Meno spinta e meno probabile la soluzione Rossi. In mediana, Rizzo è tornato a pieno regime e va verso una maglia da titolare al pari di Della Rocca. Salifu ha messo definitivamente alle spalle lo stop muscolare ma non ha i novanta minuti nelle gambe, per la terza maglia dunque sembra più di una possibilità una nuova chance per Taddei con il baby Zebli che, dopo 4 gare da titolare, dovrebbe rifiatare. Nel tridente, per accompagnare Ardemagni, è ballottaggio a quattro: a destra dovrebbe giocare un mancino e il rientro di Fabinho spinge in panchina Zapata. A sinistra è volata con il rientrante Parigini che potrebbe soffiare il posto a Lanzafame.