Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grifo, Belmonte scalpita: torna la difesa a quattro

Esplora:
C'è apprensione per le condizioni di Salifu

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

Impossibile rimanere al top una stagione intera come è impossibile essere al cento per cento della condizione psicofisica il 15 settembre, con il campionato iniziato da poco più di una settimana. L'obiettivo del Perugia di Bisoli è tendere verso il picco di forma, crescere passo passo lungo il tortuoso cammino cadetto, almeno fino alla fine del girone d'andata, per poi tirare una linea durante la sosta e fare i conti. Per il risultato globale è essenziale la crescita dei singoli e, in alcuni casi, il recupero dei grifoni “ritardatari”. Difficile ipotizzare un imminente rientro di Alhassan, ancora alle prese con il lavoro specifico per risolvere il problema al ginocchio, ma, archiviata la trasferta amara di Pescara e con l'operazione riscatto nel mirino, anche in funzione del match di sabato al Curi contro il Crotone possono diventare fondamentali gli inserimenti di Belmonte e Della Rocca.  Si torna a quattro Nelle intenzioni del ‘trasformista' allenatore del Perugia, bocciato almeno per ora il 3-5-2 già all'intervallo della gara di venerdì scorso, sembra esserci il ritorno al 4-2-3-1, il modulo vincente dell'esordio con il Como. Queste le indicazioni arrivate dalla prima seduta settimanale in cui è spiccata l'assenza di Fabinho (precauzionale), oltre a quella di Taddei (problema al ginocchio) e il lavoro differenziato di Filipe (ancora indisponibile per sabato per un risentimento muscolare) e Salifu. Il mediano ghanese ha rimediato una brutta botta nella trasferta di Pescara, la situazione verrà monitorata giorno per giorno ma un pizzico di apprensione esiste. Bisoli conta di averlo a disposizione per piazzarlo insieme a Rizzo di fronte a una linea difensiva tutta nuova con l'inserimento di Belmonte accanto a Volta al centro, Del Prete a destra e Rossi a sinistra. Rebus attacco Il test decisivo per il nuovo assetto del pacchetto arretrato dovrebbe arrivare a metà settimana con la partitella in famiglia e resta comunque aperta la finestra di una possibile linea mediana a tre con l'inserimento di Della Rocca o di Spinazzola. C'è poi un vero e proprio rebus per l'assegnazione delle maglie del reparto avanzato. Lo stesso Spinazzola infatti potrebbe tornare a giocare sulla trequarti, Di Carmine scalpita dopo il gol all'Adriatico, Parigini è apparso pimpante, è rientrato Zapata dopo gli impegni in nazionale, Lanzafame e Fabinho partono comunque avanti nelle gerarchie mentre l'unico difficilmente sostituibile resta Ardemagni. Tante le soluzioni alla portata di Bisoli per una sfida in cui già lampeggia il segnale con scritto “vietato sbagliare”.