Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Centrocampo Grifo, cambio di strategia: torna Della Rocca

Della Rocca ai tempi del Siena

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

Il Grifo gioca su più tavoli del mercato dei centrocampisti perché ha bisogno di chiudere in fretta un'operazione per permettere al tecnico Bisoli di lavorare almeno una settimana intera, in proiezione campionato, con il rinforzo gradito per la mediana. In queste ore, al massimo nella giornata di venerdì 28 agosto, è in arrivo il colpo. Che è poi un ritorno e di qualità. Negli ultimi giorni sono stati serrati i contatti con il Carpi perché nei piani alti dell'indice di gradimento biancorosso c'erano alcuni elementi che non rientrano nei piani del club emiliano per la massima serie, ma visto che i tempi si stanno allungando gli uomini mercato del Perugia hanno virato decisi su Palermo e su Francesco Della Rocca (1987). Proprio l'ex grifone, sei mesi in biancorosso nel 2010 prima del fallimento societario, è a un passo dal tornare a Pian di Massiano. Di proprietà dei rosanero, con un trascorso anche a Bologna, Firenze e Siena in serie A (quasi 100 presenze in totale), Della Rocca è in scadenza di contratto nel 2016 e dovrebbe arrivare a titolo definitivo. Battuta la concorrenza del Cesena. La trattativa è decollata nelle ultime ore, anche perché contestualmente nella serata di mercoledì 26 agosto è andato in scena un altro vertice tra il Perugia e il Carpi con al centro Raffaele Bianco (1987). Che però continua a prendere tempo perché non è convinto nello scendere di categoria, al pari del compagno Filippo Porcari (1984), altro elemento che sarebbe gradito alla dirigenza del Grifo. Ecco il perché del parziale cambio di strategia, ma la finestra con la società emiliana resta comunque aperta. A patto però che il Perugia riesca a piazzare uno dei brasiliani in uscita. Su Filipe Gomes (1987) ci sono stati tantissimi sondaggi, ma ancora nessuna club ha veramente affondato. Difficile al momento veder partire Rodrigo Taddei (1980). Anche senza l'addio di uno dei due brasiliani il club del presidente Santopadre potrebbe accontentare Bisoli con un secondo centrocampista, ma si tratterebbe di una soluzione meno onerosa sul piano economico. Per questo potrebbe tornare buono il profilo di Paolo Bartolomei (1989) che dovrebbe svincolarsi dal Teramo se la giustizia sportiva confermerà la retrocessione in D degli abruzzesi.