Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grifo, test con il Bari in attesa del debutto in Tim Cup

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

E' un match, il test di mercoledì 5 agosto al Curi contro il Bari (ore 20.45), che arriva a metà strada tra lo sforzo di sabato scorso con il Carpi e il primo impegno ufficiale di domenica contro la Reggiana in coppa Italia. Impossibile vedere un Grifo a mille all'ora in questa fase agostana, ma è pur sempre la prima sfida vera con una pari categoria, contro una società ambiziosa e facoltosa che, come il Perugia, punta dritta al bersaglio grosso. E allora, in un contesto così, cosa può chiedere l'esigente Bisoli ai suoi? L'obiettivo primario è un salto in avanti di tutto il gruppo sul piano fisico e, nello specifico, la crescita degli ultimi arrivati e di coloro che sono stati alle prese con qualche acciacco durante la prima fase del ritiro. Rotazione totale Al netto dell'assenza di Belmonte (alle prese con il recupero dopo il menisco), del possibile stop precauzionale di Spinazzola e dell'impegno in B Italia di Mancini, tutti i grifoni troveranno spazio nella match odierno. Bisoli partirà nuovamente con il 4-2-3-1 per poi cambiare in corso d'opera. Ancora minuti per Rosati fra i pali, che ha bisogno di recuperare l'abitudine a giocare, ma stavolta spazio anche al secondo Zima. Un tempo a testa per Alhassan e Del Prete sulle corsie, più il giovane Proietti, con Volta, Comotto e Rossi probabilmente a girare nel ruolo di centrali. In mediana ancora Rizzo e Salifu e poi chance anche per Filipe (più il baby Varfaj). Sulla trequarti dovrebbe partire il trio con Taddei, Lanzafame e Fabinho per poi aprire a nuove soluzioni con Ardemagni, Parigini, Di Carmine e il giovane Mendez, più i Primavera Pettinelli e Boscolo Zemelo. Con l'inizio della stagione ufficiale alle porte l'imperativo è evitare intoppi. E magari continuare a tenere intatta la casella dei gol subiti su azione nell'era Bisoli.