Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Grifo, turn over a Carpi: Falcinelli può rifiatare

Domenico Cantarini
  • a
  • a
  • a

E' arrivato il tempo del turnover. Andrea Camplone l'aveva annunciato salvo poi ripensarci a inizio stagione e l'ha direttamente dribblato, anche per l'organico in emergenza, nel trittico che ha portato al crollo di Crotone, giorno dell'ultima sconfitta del Perugia (poi un successo e sei pareggi di fila). Non aver voluto o potuto gestire le energie nella prima parte di stagione "lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle, per giocare tre partite consecutive bisogna cambiare gli uomini", diceva il tecnico biancorosso venerdì scorso. Ora, con la trasferta in casa della capolista Carpi alle porte, sembra arrivato il momento di attuare una rotazione di uomini che coinvolgerà tutti i reparti. Nonostante il mancato successo di sabato sul Pescara abbia un po' scombussolato i piani anche in questo senso.  Difesa Cambierà il pacchetto arretrato. Koprivec e Giacomazzi sono squalificati, tra i pali riparte dal primo minuto Provedel e in panchina andrà il baby Rossin (Esposito non rientra più nei piani). Torna capitan Comotto che stringe i denti dopo i problemi fisici delle ultime settimane e dovrebbe prendere il posto dell'uruguaiano per far coppia al centro con Goldaniga. Anche Del Prete, uscito anzitempo sabato, sarà regolarmente sulla corsia di destra mentre il turno di riposo potrebbe toccare a Crescenzi visto l'altissimo minutaggio da inizio stagione (sempre presente con 1774 minuti giocati). Sulla sinistra potrebbe toccare a uno tra Vinicius (in vantaggio) e Lo Porto. La mediana Nel trio di centrocampo si riparte dalla "mente" Fossati e dal dinamismo di Nicco. Entrambi sono in crescita di condizione e il turnover non dovrebbe toccarli. Potrebbe però tornare titolare Verre, mentre Taddei sembra destinato a rifiatare per poi magari mettere in piedi una staffetta con Fossati. Il jolly Fazzi è una carta che Camplone dovrebbe tenere in panchina per ogni evenienza. Attacco Lanzafame e Falcinelli, le due certezze del pacchetto avanzato, hanno finito con la spia della riserva accesa la gara con il Pescara. Ecco perché nel triangolo offensivo uno dei due dovrebbe partire dalla panchina. Visto l'alto minutaggio potrebbe toccare al numero 9 perugino, mentre sembra difficile che Camplone possa rinunciare alla carica di "Lanciafiamme" tra le linee. Scontata la squalifica, torna Parigini che è in vantaggio su Perea per l'altra maglia sulla trequarti, come terminale offensivo si scalda Rabusic. Dopo l'infortunio di Crotone, in campionato, "Rambo" ha collezionato solo 8 minuti a Livorno e può essere arrivato il momento di una nuova chance. Tanti dubbi ma anche tanta scelta per un Camplone che, a Carpi, va a caccia della magia di Natale.