Muro dell'Elce, Camplone sta con Santopadre

PERUGIA

Muro dell'Elce, Camplone sta con Santopadre

30.05.2014 - 11:24

0

Il sondaggio sul Muro dell’Elce da dedicare alla promozione sta appassionando non soltanto i tifosi biancorossi ma l’intera città e gli sportivi che non sono di Perugia ma amano allo stesso modo il Grifo. Dunque, una partecipazione che sta crescendo di ora in ora. Il presidente Massimiliano Santopadre ha già espresso il suo parere, affermando di prediligere il murales numero 1per la presenza del Grifo che ricorda il mio che ho tatuato sul braccio”. Ora registriamo il voto dell’allenatore Andrea Camplone che si trova d’accordo con il patron e spiega il perché: “A mio parere è il più completo. Ci sono il Grifo, la B, la Supercoppa e soprattutto i nomi di tutti i protagonisti della Promozione del Perugia che meritano di essere menzionati”. Più indeciso il direttore generale Mauro Lucarini tra la proposta numero 1 e 3. Alla fine, opta per il disegno numero 1
Murales “amarcord” Sui social sta prendendo corpo una proposta. C’è, infatti, e si tratta in particolare di chi abita all’Elce o ci ha abitato ai tempi del Grande Grifo, che si sente in qualche modo legato al precedente murales e si chiede se non sia giusto ricordare chi, per primo, ha deciso di dare vita al disegno entrato nella storia del tifo perugino. Nell’articolo con cui il 29 aprile lanciammo l’idea di ripristinare il Muro del Grifo Rampante dell’Elce, tornavamo a quella ormai lontana estate del 1975 quando, arrampicato sulla scala, Rino Ricci che lavorava alla carrozzeria dell’Elce di sotto, trascorse non poco tempo a tratteggiare quello straordinario murales assieme a un nutrito gruppo di amici che lo aiutò a completare l’opera. Con passione e amore per i colori biancorossi. Oltre al Grifo rampante virilmente sessuato, c’era, accanto, un perfetto campo di calcio su cui Rino e i suoi improvvisati “allievi di bottega”, avevano impresso i nomi dell’undici che regalò la prima promozione in A. Sotto, a caratteri cubitali, i nomi degli altri protagonisti e dell’intero organigramma societario: dal presidente all’allenatore, perfino il dottor Tomassini e il massaggiatore Palomba. Poi ci furono “rinfrescate” successive, soprattutto contrassegnate dall’era Gaucci, quella dei tronfi in serie A rinverditi e fortificati per mano di Matteo Quagliarini e un nutritissimo numero di ragazzi-tifosi dell’Elce. Purtroppo negli anni bui le intemperie, non solo meteorologiche, hanno finito per sbiadire il tutto, consentendo ai graffitari di impossessarsi persino di questa icona amatissima da tanti sportivi e cittadini. Insomma, 40 anni di storia sono tanti e c’è chi dice che in qualche modo occorrerebbe riproporla nel murales che verrà. Intanto, andiamo avanti con il sondaggio che vede veleggiare in testa, per ora senza troppi ostacoli, il disegno numero 1 ideato dallo Studio Signtist.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Inter agli ottavi di Europa League di calcio, doppia vittoria con il Ludogorets
CALCIO

Inter agli ottavi di Europa League di calcio, doppia vittoria con il Ludogorets

L'Inter ha concesso il bis anche nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League e si è qualificato agli ottavi di finale. All'andata in Bulgaria si era imposta per 2-0. A San Siro a porte chiuse a causa dell'emergenza Coronavirus, ha battuto ancora il Ludogorets, ma con il punteggio di 2-1, dopo aver ribaltato con Biraghi e Lukaku il gol di Oliveira Souza. 

 
Inter-Ludogorets, gollonzo di Lukaku per il vantaggio dell'Inter in Europa League
CALCIO

Inter-Ludogorets, gollonzo di Lukaku per il vantaggio dell'Inter in Europa League

L'Inter ha ribaltato il Ludogorets con un autentico "gollonzo" di Lukaku nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League: 2-1. Allo scadere del primo tempo il belga ha tentato il colpo di testa quasi a botta sicura, ma il portiere dei bulgari ha respinto, la palla è tornata proprio verso Lukaku che quasi involontariamente ha ribadito in rete sempre di testa mentre era steso a ...

 
Vertice italo-francese, Conte: "I due Paesi possono fare molto insieme per problemi immigrazione"

Vertice italo-francese, Conte: "I due Paesi possono fare molto insieme per problemi immigrazione"

(Agenzia Vista) Napoli, 27 febbraio 2020 Vertice Italo-francese, Conte: "I due Paesi possono fare molto insieme per problemi immigrazione" il vertice italo-francese a Napoli, nelle stanze di Palazzo Reale a piazza del Plebiscito, con il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Giuseppe Conte Fonte Facebook Giuseppe Conte Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Samanta Togni e Mario Russo a Dubai sfidano il Coronavirus in mascherina: Siamo italiani e non tossiamo

Social

Video Samanta Togni e Mario Russo a Dubai sfidano il Coronavirus in mascherina: Siamo italiani e non tossiamo

Samanta Togni e Mario Russo sfidano il Coronavirus in mascherina. La ballerina, protagonista di Ballando con le stelle, e il chirurgo, di rientro da Dubai, si filmano ...

27.02.2020

Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca, bacio di passione a Miami! Lui: "Sei il mio cielo"

Gossip

Gianluca Vacchi e Sharon Fonseca, bacio di passione a Miami! Lui: "Sei il mio cielo"

"Baciando il mio cielo". Gianluca Vacchi esalta ancora una volta la sua giovane fidanzata, Sharon Fonseca. Lo fa pubblicando una splendida foto sul suo profilo Instagram (14,...

27.02.2020

Barbara D'Urso, allenamento e criosauna: il segreto per tenersi in forma. Il video sulle storie di Instagram

Il personaggio

Video Barbara D'Urso, ecco il suo segreto per tenersi in forma: stesso trattamento dei calciatori

Barbara D'Urso si tiene in forma con la criosauna e l'allenamento a ritmo di musica. La popolare conduttrice di Canale 5 ha pubblicato il video sulle sue storie di Instagram, ...

27.02.2020