Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il report Iss di oggi venerdì 15 luglio: Rt e indice di trasmissibilità in calo

Esplora:

  • a
  • a
  • a

L'Italia starebbe arrivando al picco della nuova ondata di Covid 19. Se i numeri fotografano sempre in maniera puntuale la realtà, quelli degli ultimi giorni relativi alla pandemia nella Penisola mandano i primi segnali incoraggianti. Il bollettino di ieri, giovedì 14 luglio, parla di nuovi casi in calo, seppur lieve, rispetto al giorno precedente: 107.122 contro 110.168. Ma da qualche parte si dovrà pur partire. E così ad avvalorare l'ipotesi che si stia per raggiungere il picco arriva anche il report dell'Istituto superiore di sanità, che parla di Rt e indice di trasmissibilità in discesa

 

 

Nel dettaglio, il report di oggi venerdì 15 luglio evidenziano l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici nella settimana 22 giugno – 5 luglio a 1,34, in diminuzione rispetto alla settimana precedente, ma oltre la soglia epidemica. In discesa anche l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero, anche se ancora sopra la soglia epidemica: Rt a 1,15 (1,12-1,17) al 05 luglio contro Rt a 1,24 (1,21-1,28) al 28 giugno. Sale, invece, l’incidenza settimanale, passando da 1.071 della settimana precedente a 1.158 ogni 100.000 abitanti. La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in lieve aumento a 11% contro il 10% della scorsa settimana. In diminuzione invece la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (39% vs 41%), e in aumento la percentuale dei casi diagnosticati attraverso attività di screening (50% vs 49%).

 

 

Numeri con il segno più anche per le ospedalizzazioni. Il tasso di occupazione in terapia intensiva sale al 3,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 14 luglio) contro il 3,5% della rilevazione al 7 luglio. Nelle aree mediche sale invece al 15,8% contro il 13,3%. A livello territoriale, nessuna Regione è classificata a rischio basso mentre sono 8 quelle a rischio alto e tredici sono classificate a rischio moderato. Diciannove regioni riportano almeno una allerta di resilienza, mentre 7 riportano molteplici allerte di resilienza.