Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il bollettino di oggi domenica 10 luglio. Nuovi casi, terapie intensive e morti in calo ma sale il tasso di positività

  • a
  • a
  • a

Scendono i nuovi casi di positività al Covid 19 in Italia, così come i ricoveri in terapia intensiva e i morti, rispetto alla giornata di ieri. In calo, però, anche il numero dei tamponi effettuati, che portano ad un aumento del tasso di positività. Sono i dati che emergono dal bollettino odierno, domenica 10 luglio, emanato dal ministero della Salute. Nel dettaglio, i nuovi contagiati sono 79.920 (ieri 98.044 ) mentre i decessi sono 44 (ieri 93). Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 19.357.938 mentre da febbraio 2020 il totale delle vittime è pari a 169.062.

 

 

A livello ospedalizzazioni, le persone dimesse e guarite sono 17.926.011 con un incremento di 83.165. In terapia intensiva ci sono 6 persone in meno rispetto a ieri per un totale di 350. I ricoveri ordinari sono 180 in più per un totale di 9.044. Compresi quelli molecolari e gli antigenici, i tamponi totali processati sono stati 303.848 (ieri 389.576) e il tasso di positività è al 26,3% (ieri 25,1%). A livello territoriale, le Regioni con i maggiori incrementi in termini di contagi sono Campania (11.234), Lazio (9.547) e Lombardia (9.295).

 

 

Non è il momento di lasciare circolare il virus, "che è ancora pericoloso e può uccidere anziani e fragili. Inoltre, Omicron 5 sta colpendo i lavoratori della sanità, mettendo a rischio i servizi". Lo ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità e già portavoce del Comitato tecnico scientifico, in un’intervista alla Repubblica. "Omicron ha sviluppato più sottovarianti. Quella presente adesso, la Ba5, è la più contagiosa ed è dominante nel Paese. I dati di una settimana fa ci dicono che rappresenta il 71% delle infezioni ma si avvia rapidamente a dominare completamente la scena. Succede un po' quello che aveva sperimentato il Portogallo". Riguardo alle misure di protezione, dice Brusaferro, "sono scelte della politica in risposta ai diversi quadri epidemiologici. Oggi disponiamo di una serie di strumenti che insieme al monitoraggio, al vaccino e ai farmaci, possono modulare la trasmissione - spiega - In questo momento è fondamentale la responsabilità dei cittadini, che sanno bene quanto la variante sia trasmissibile. Mascherine e distanziamento aiutano a ridurre la possibilità di contagio. Ci vuole prudenza e consapevolezza da parte di tutti per vivere sereni avendo sempre una particolare attenzione a proteggere anziani e fragili. Omicron Ba5 è molto trasmissibile - continua Brusaferro - e per esempio è in grado di reinfettare chi ha già contratto il virus, e se colpisce i fragili e gli anziani comporta rischi importanti, di ricovero e mortalità. Il bollettino di questa settimana evidenzia come i non vaccinati rischino 7 volte di più il decesso dei vaccinati con il booster".